Marilù Mastrogiovanni, nominata presidente della giuria Unesco

“Una Chair per chi non ha voce” di Marilù Mastrogiovanni   Vi do una grande notizia che ha dell’incredibile! La direttrice generale di Unesco Audrey Azoulay mi ha nominata “Chair” (Presidente) della giuria che assegna il World press freedom prize “Guillermo Cano” di Unesco, il premio mondiale per la libertà di stampa assegnato ogni anno ad un/una giornalista che si è distinto per il suo impegno al servizio della libertà di stampa e d’espressione. Leggi qui: https://en.unesco.org/news/two-leading-women-journalists-join-2021-jury-unescoguillermo-cano-world-press-freedom-prize Già da due anni presto servizio come componente della giuria composta da sei…

Leggi tutto

Affaire DEA Lecce: la replica di Air Liquid

La replica della ditta che rifornisce di ossigeno il Fazzi e l’oncologico, a cui è scaduto il contratto. Le foto dello stato avanzamento dei lavori non autorizzati Riceviamo e pubblichiamo il comunicato della Air Liquide, che segue la conversazione telefonica intercorsa ieri con Maurizio Ungaro, Regional manager di Air Liquide Sanità Service a cui ho chiesto se fosse arrivata la proroga del contratto di fornitura di ossigeno per il Fazzi e l’oncologico, scaduto il 31 dicembre 2019. Ho chiesto anche se nel frattempo fosse arrivata l’autorizzazione dei lavori per l’interramento…

Leggi tutto

Le mani dei clan sulle politiche 2018 e il ruolo del Giornalismo

giornalismo informazione media

Su sollecitazione di tanti lettori e dopo aver ricevuto due richieste di rimozione dell’articolo entro 5 ore, e la diffida a non menzionare mai più Perrone e Congedo in articoli relativi alla mafia, ritengo doverose alcune riflessioni di Marilù Mastrogiovanni   È difficilissimo fare la giornalista (anzi, essere giornalista) in tempi in cui questa professione rischia di estinguersi, un po’ come è accaduto agli accenditori di lampioni o ai conducenti di calesse. Eppure sono ancora qui e voglio spiegarvi ancora una volta la mia idea di Giornalismo. L’occasione mi è…

Leggi tutto

Tacco su rifiuti, mafia, politica: quarta richiesta di archiviazione

La sostituta procuratrice Maria Consolata Moschettini chiede l’archiviazione della querela della Giunta di Casarano. Mi difende Roberto Eustachio Sisto della FNSI   di Marilù Mastrogiovanni   Il grande avvocato Roberto Eustachio Sisto mi chiama alle 19.47 per comunicarmi (con malcelata soddisfazione) che la sostituta procuratrice Maria Consolata Moschettini della Procura di Lecce ha chiesto l’archiviazione di una delle tante (quante?) querele della Giunta del Comune di Casarano (Le) nei miei confronti. Il cervello è strano (il mio, almeno, lo è). Ero fuori dal camerino di un negozio di articoli sportivi,…

Leggi tutto

Archiviata querela Giunta di Casarano: fatti veri, diritto di critica salvo

Ho vinto di nuovo: contro le minacce e contro il maschilismo di Marilù Mastrogiovanni   Vi aggiorno sull’ultima vittoria. Mi hanno querelata i seguenti assessori del Comune di Casarano (Lecce): Pompilio De Nuzzo, Adamo Fracasso, Matilde Macchitella, Laura Parrotta, Marcello Torsello, con il sindaco Gianni Stefano (ex Forza Italia, ora fittiano). Il pm Milto De Nozza della Direzione distrettuale antimafia presso la Procura di Lecce ha chiesto l’archiviazione perché quanto ho scritto corrispondeva al vero. Benché la mia critica fosse “pungente”, ha scritto De Nozza, non scadeva in attacchi personali.…

Leggi tutto

Querela Giunta Comune Casarano: il pm De Nozza chiede archiviazione

Mi difendono Francesco Paolo Sisto e Roberto Eustachio Sisto, della FNSI, Federazione nazionale della stampa italiana di Marilù Mastrogiovanni   Il pm Milto De Nozza (sostituto procuratore presso la Direzione distrettuale antimafia) chiede che la querela della Giunta di Casarano (Lecce) contro di me sia archiviata. La Giunta di Casarano s’è opposta.   Il pm ha confermato che quanto ho scritto sulla gestione dei beni confiscati al boss della sacra corona Augustino Potenza era vero. Poiché la Giunta s’è opposta all’archiviazione, in questo momento si sta discutendo in Camera di…

Leggi tutto

Di interrogatori, di guardie e di ladri

Querelata dalla Giunta di Casarano per aver riportato le dichiarazioni di Tommaso Montedoro, boss della sacra corona, ora collaboratore di giustizia. Interrogata dai Carabinieri di Marilù Mastrogiovanni Sono stata interrogata dai Carabinieri. Ve lo avevo preannunciato. Come sempre, sono dalla parte dei lavoratori e delle lavoratrici. Come scriveva Pasolini. Anche in questo caso, mi sono mentalmente schierata dalla parte debole della catena. Eravamo entrambi la parte debole: io e loro. Loro dovevano eseguire degli ordini e fare delle domande preordinate dal pm. Io potevo decidere se rispondere o no. Ho…

Leggi tutto

Peppino Basile, ucciso dal “sistema”

Sconosciuti mandanti ed esecutori dell’assassinio del consigliere comunale di Ugento, vittima innocente di mafia. Ucciso undici anni fa proprio qui, dove “non c’è la mafia, c’è il Sistema”     di Marilù Mastrogiovanni Siamo abituati che “tanto è così”. Siamo abituati all’ingiustizia, al sopruso, alla sporcizia. La sporcizia fuori e dentro di noi. Chi si ribella è perduto. Qui, a queste latitudini, o fai parte del “Sistema” oppure sei morto. Ti fanno morire anche da vivo, qui. Qui da noi è così. Qui da noi se parli, parli per lanciare…

Leggi tutto

“Giornalisti: la bestia nera della criminalità organizzata”: il rapporto di Reporters sans Frontieres

Più di 30 i giornalisti uccisi dalle organizzazioni criminali, dall’inizio del 2017, alcuni nel cuore della civile Europa. L’allarme dell’organizzazione internazionale   L’unica scelta per i cronisti che scoprono vicende riguardanti la criminalità organizzata è, spesso, non dire niente o rischiare la vita. Nel mondo sono più di 30 i giornalisti uccisi da organizzazioni criminali dall’inizio del 2017: è quanto denuncia Reporters sans Frontieres, organizzazione internazionale a presidio della libertà d’informazione, che ha presentato oggi a Parigi il rapporto “Giornalisti: la bestia nera della criminalità organizzata”; un dossier che raccoglie…

Leggi tutto

“Journalists: bugbears of organized crime”: RSF report on journalists who are targeted by organized crime

The only choice for reporters who uncover facts about organized crime is often between saying nothing and risking their lives. Worldwide, more than 30 journalists have been killed by criminal organizations since the start of 2017, RSF learned in the course of several months of research for this report, in which it interviewed many targeted journalists, their colleagues and their families.   Some of those interviewed are getting round-the-clock police protection after being threatened by organized crime in connection with their reporting. Some describe how criminal groups set fire to…

Leggi tutto