Taranto, rifiuti radioattivi: esauriti i fondi smaltimento ex Cemerad

Ritorna in uno stato di abbandono il capannone dell’ex Cemerad che da diversi anni ospita fusti deteriorati colmi di rifiuti radioattivi, anche provenienti da Chernobyl. Per il sito fatiscente il governo stanziò oltre 9 milioni di euro che avrebbero dovuto garantire l’intera operazione di bonifica. La cifra, che venne fissata con legge n. 20 del 4 marzo 2015, si è rivelata insufficiente. Di Daniela Spera Non c’è pace per i cittadini di Statte che vivono nei pressi del capannone ex Cemerad. Gli interventi di recupero dell’area, sottoposta a sequestro giudiziario…

Leggi tutto

Sentenza CEDU. Informato il consiglio d’Europa su sentenza Tar Lecce.

“La violazione degli articoli della CEDU va intesa in relazione alla condotta posta in essere dallo Stato italiano convenuto per non aver adottato esso stesso le dovute misure a tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini nonostante fosse nota alle autorità la grave situazione ambientale e sanitaria, anche alla luce di richieste ufficiali giunte dalla magistratura inquirente” di Legamjonici La sentenza del 24 gennaio 2019 della Corte Europea dei Diritti Umani ha sancito la condanna dello Stato Italiano in merito al caso Ilva. La Corte ha riconosciuto la violazione degli…

Leggi tutto

Progetto Tempa Rossa: Eni carente sul monitoraggio ambientale

Di Daniela Spera Procede il cantiere per la realizzazione del progetto Tempa Rossa che origina dalla Basilicata e coinvolge anche Taranto dove Eni gestirà lo stoccaggio e la movimentazione del petrolio. In attesa di sapere se ci sarà una nuova Via per il progetto di rafforzamento del pontile  arriva per Eni un ‘no’ dal Ministero dell’Ambiente. Taranto – Si è conclusa con esito “negativo” la procedura di Verifica di Ottemperanza inerente il progetto di adeguamento delle strutture della raffineria di Taranto per lo stoccaggio e la movimentazione del greggio proveniente…

Leggi tutto

Ex Ilva. Processo Ambiente Svenduto. Il ruolo chiave di Liberti

Di Daniela Spera Si avvia alla conclusione il processo ‘Ambiente svenduto’. Dopo le richieste di condanna dei Pubblici Ministeri, per 35 soggetti, accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro, avvelenamento di sostanze alimentari e corruzione in atti giudiziari, concussione e omicidio colposo, ora dovranno esprimersi gli avvocati delle parti civili e degli imputati. Tra ex proprietari, ex dirigenti ed ex politici è fitto l’intreccio degli interessi celati dietro il proseguimento dell’attività siderurgica. Ma la figura che, senza…

Leggi tutto

Taranto, ex Ilva: pm chiede condanna a 28 e 25 anni per fratelli Riva

Invocati anche 28 anni per ex dirigenti stabilimento e 5 anni per l’ex governatore della Puglia Nichi Vendola, accusato di concussione aggravata. Il pm Mariano Buccoliero: “Abbraccio mortale per la città”. Per la procura necessaria confisca impianti e somma di due miliardi e 100mila euro. Il processo per disastro ambientale pende dinanzi ai giudici della Corte d’Assise di Taranto. Il Codacons: “Nessuna tonnellata di acciaio vale una vita umana” di Stefania De Cristofaro TARANTO – “Abbraccio mortale” per Taranto. Per quella morsa così definita dal pm Mariano Buccoliero, morsa che…

Leggi tutto

Ex Ilva, sindaco Taranto: “Subito accordo di programma per transizione ecologica”

Rinaldo Melucci, dopo l’ordinanza del Tar su spegnimento area a caldo entro 60 giorni: “Draghi convochi  tavolo di lavoro con enti locali e parti sociali, altrimenti lo faremo dal basso con il governatore della Puglia, Michele Emiliano: non possiamo aspettare ancora e correre il rischio che qualcuno si ammali o rischi la vita. Siamo già andati oltre”   Di Stefania De Cristofaro   TARANTO- Dal sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, l’appello al nuovo presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi, e al neo ministro alla Transizione ecologica, Roberto Cingolani: “I…

Leggi tutto

Ex Ilva. Storica sentenza del Tar di Lecce

Il Tar di Lecce ha respinto il ricorso di ArcelorMittal contro l’ordinanza contingibile e urgente (n.15 del 27 febbraio 2020) emanata dal Sindaco di Taranto. Dal 13 febbraio decorrono nuovamente i 60 giorni per completare lo spegnimento degli impianti dell’area a caldo. Intanto la multinazionale ha annunciato ricorso al Consiglio di Stato. Di Daniela Spera E’ una sentenza storica dopo quella della Corte europea del 24 gennaio 2019. E’ una sentenza coraggiosa, al di là dei suoi effetti concreti, perché viene da un tribunale italiano. E’ segno di un cambio…

Leggi tutto

Caso Taranto. L’eco-arte come reazione al colonialismo ambientale

Recensione Di Daniela Spera Immaginate un futuro diverso. Se la città di Taranto fosse un enorme quadro sarebbe tutta da ridipingere. Con i colori del mare, delle campagne, degli ulivi secolari. Quei colori da tempo sono sbiaditi, offuscati dal grigio dei fumi e dal rosso del ferro. È facile catturare le immagini di una città aggredita dall’inquinamento. Basta una foto che, tuttavia, difficilmente può raccontare la sofferenza, l’angoscia, la storia straziante di una città sacrificata al colonialismo industriale. Ma quando le immagini prendono forma nei disegni, nei fumetti, spesso la…

Leggi tutto

È stato firmato, nella tarda serata di giovedì, l’accordo tra Invitalia e ArcelorMittal per la gestione dell’ex Ilva. Inascoltate le proteste degli enti locali.

Di Daniela Spera Dopo un rinvio di dieci giorni, nonostante l’opposizione dell’amministrazione locale e degli attivisti, lo Stato riprende in mano lo stabilimento siderurgico di Taranto. Del resto, l’imminenza dell’accordo, era stata anticipata con forza, dal presidente Conte, nel corso dell’ultima conferenza stampa sul nuovo Dpcm per l’emergenza Covid-19. L’accordo comporterà un cospicuo investimento di Invitalia in AM InvestCo. L’importo non sarà versato per intero ma frazionato secondo una precisa tempistica. Il primo investimento di  400 milioni di euro sarà effettuato entro il 31 gennaio 2021, previa  autorizzazione dell’antitrust dell’Unione…

Leggi tutto

Accordo ArcelorMIttal e Invitalia, oggi la firma

Di Daniela Spera   Taranto. Il Ministro dello sviluppo economico, Stefano Patuanelli, ha convocato per oggi alle 12, presso la sala Arazzi del suo Ministero, i sindacati metalmeccanici. Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm, Usb e Ugl discuteranno sulla vicenda ex Ilva proprio il giorno in cui Invitalia, per conto del governo, e ArcelorMittal firmeranno l’accordo che prevede l’ingresso dello Stato al 50 per cento nel capitale dell’azienda.   Secondo, Francesca Viggiano, Assessora con delega all’Ambiente, Patrimonio e Politiche abitative   ‘il futuro dei cittadini di Taranto e della sua Provincia…

Leggi tutto