Fuga dal carcere di Foggia, arrestato dopo 142 giorni Cristoforo Aghilar: si nascondeva in un casolare in Puglia

Il 36enne di Orta Nova trovato dai carabinieri alla periferia di Minervino Murge: “Complimenti, siete riusciti a trovarmi”. Era ricercato dal 9 marzo. Ha confessato l’omicidio della madre della sua ex fidanzata avvenuto il 29 ottobre 2019. Secondo i militari era pronto a espatriare. Caccia ai possibili fiancheggiatori. La famiglia della donna uccisa chiede un milione e 600mila euro a titolo di risarcimento per mancata protezione   Di Stefania De Cristofaro   LA LATITANZA E IL BLITZ DEI CARABINIERI UN CASOLARE DI CAMPAGNA COME ULTIMO NASCONDIGLIO DEL LATITANTE INTERCETTAZIONI TELEFONICHE…

Leggi tutto

Mafia in Puglia, anche questione di famiglia: minorenni negli organici dei clan e donne vicarie dei mariti. Armi nei cimiteri

DOSSIER/3 Nella relazione Dia, secondo semestre 2019, la descrizione della criminalità giovanile: “Salto di qualità nelle modalità d’impiego delle giovani leve, con l’iniziazione di ragazzini alle rapine”. Mai recisi i legami con i boss storici: contatti con gli eredi e con le compagne non solo tramite pizzini, ora ci sono mini cellulari recapitati in cella nei pacchi alimentari. Nella regione è presente il maggior numero di articolazioni della Direzione investigativa antimafia, dopo la Sicilia Di Stefania De Cristofaro LA CRIMINALITA’ GIOVANILE: ADOLESCENTI AVVIATI ALLE RAPINE LE DONNE DEL CLAN E…

Leggi tutto

Carcere di Foggia, dopo l’evasione 14 arresti per rapine auto: anche Ivan Caldarola. Ancora latitante Aghilar, uccise l’ex suocera

Nuova accusa per il 21enne barese, in relazione a quanto avvenuto il 9 marzo scorso, giorno della fuga in massa dal penitenziario della Capitanata. E’ ritenuto vicino al clan del quartiere Libertà di Bari, ed è imputato per lo stupro di una dodicenne. Trasferiti in una località segreta i familiari di Filomena Bruno, uccisa a coltellate nella sua abitazione a Orta Nova. Ordinanza di arresto anche per i brindisini Angelo Sinisi e Antonio Borromeo   Di Stefania De Cristofaro   L’EVASIONE DAL CARCERE DI FOGGIA E GLI ARRESTI DI CARABINIERI…

Leggi tutto

Dia: la mafia foggiana si espande

/ DOSSIER – 1^ PARTE/ Riciclaggio, traffico di droga, rifiuti e armi, intimidazioni e infiltrazioni nella Pubblica Amministrazione: gli affari dei sodalizi criminali pugliesi, tra vecchi interessi e nuove proiezioni sui mercati internazionali. Provincia per provincia, il quadro delineato dalla Direzione investigativa antimafia. Cominciamo con Foggia   “In Puglia è ormai consolidato il principio che consente di parlare di mafie e non di mafia”: si apre così la Relazione del 2° semestre dell’anno 2018, della Dia (Direzione investigativa antimafia), nel capitolo dedicato all’analisi dei fenomeni di criminalità organizzata regionali. Nella…

Leggi tutto

Mafia a Foggia, ecco cosa dice l’ultima relazione della DIA

Nessun accenno alla quarta mafia, quella di San Severo, emersa con gli arresti di oggi; ma la relazione svela passaggi importanti per comprendere le turbolenze in atto nella malavita della Capitanata “Abbiamo completato la prima fase di aggressione alla malavita organizzata, così come programmato unitamente ai componenti della Squadra Stato. Lo abbiamo fatto attraverso una sistematica attività di demolizione delle varie consorterie mafiose ed assicurando alla Giustizia boss e sodali ma anche semplici affiliati della mafia garganica, foggiana e sanseverese ed analogamente sarà fatto con quella cerignolana. Le quattro operazioni…

Leggi tutto

Mafia foggiana, arresti in tutta Italia

Estesi fino alla Lombardia i tentacoli delle famiglie di San Severo. In mattinata conferenza stampa a Bari, con il procuratore nazionale de Raho Dalla Puglia alla Lombardia, passando per Abruzzo, Campania, Marche: sono scattati stamattina gli arresti in diverse regioni per decine di persone legate alle famiglie mafiose di San Severo, nel foggiano. Associazione mafiosa, estorsione, traffico e spaccio di droga, tentato omicidio, sono solo alcuni dei capi d’accusa contenuti nei provvedimenti d’arresto firmati dal gip di Bari, per persone residenti nelle province di Milano, Rimini, Ascoli Piceno, Fermo, Campobasso,…

Leggi tutto

Lesina, strage migranti, procuratore Vaccaro: “Servono interventi straordinari”

I corpi lasciato per ore sull’asfalto, difficoltà anche a smistare i feriti negli ospedali della zona. Emiliano: “Caporali impediscono il trasporto pubblico sui campi” Di Francesca Rizzo Ore e ore sull’asfalto rovente: i cadaveri dei dodici braccianti agricoli, tutti di provenienza africana e senza documenti, morti ieri nei pressi di Lesina (FG) sono rimasti sul luogo dell’incidente fino a sera, quando finalmente sono stati trasportati in obitorio. Secondo quanto riportato da Fanpage, che ha documentato l’accaduto, l’ultimo corpo è stato prelevato a mezzanotte e dieci. Solo allora si è liberato…

Leggi tutto

Quell’esercito di schiavi senza nome che lavora per tutti noi

In due giorni sono morti 16 migranti nel foggiano mentre tornavano dal lavoro sui campi. Il caporalato in agricoltura è la vera emergenza Di Marilù Mastrogiovanni   Sembra non avere fine la strage di braccianti sui campi della Puglia. Sono morti in 12 oggi, sulle strade vicino a Lesina in provincia di Foggia. Le dinamiche non sono ancora certe, ma viaggiavano stipati in un furgoncino. Il mezzo di fortuna e la targa bulgara fa pensare che fossero stati costretti lì da un caporale: è accertato infatti dagli inquirenti il ruolo…

Leggi tutto

Foggia, morti quattro braccianti africani di ritorno dalla raccolta di pomodori

Incidente stradale: il più giovane aveva 20 anni, il più anziano 27. Altri quattro sono feriti. Si cercano i caporali di Thomas Pistoia Amadou Balde, Ceeay Aladje, Moussa Kande: sono tre dei quattro ragazzi morti sulla strada provinciale 105, nel tratto tra Ascoli Satriano e Castelluccio dei Sauri, nello schianto frontale contro un tir che trasportava pomodori. Le vittime erano braccianti agricoli: tornavano dalle campagne, dopo una giornata di raccolta. Il più piccolo aveva vent’anni, il più grande ventisette; la quarta vittima non è stata ancora identificata. Altri quattro braccianti,…

Leggi tutto

Foggia, un impegno che profuma di primavera

Il 21 marzo è la giornata della memoria e dell’impegno contro le mafie organizzata dall’associazione Libera presieduta da don Luigi Ciotti   Diciassette morti ammazzati nel foggiano in meno di 18 mesi. Più due casi di lupara bianca. Eppure la mafia pugliese non fa notizia. Ancor meno quella del sud della Puglia, la sacra corona unita. E’ come se ci fosse un grande muro di gomma che fa rimbalzare gli echi delle nostre vite, che non riescono ad essere ascoltate dai grandi network nazionali. La giornata della memoria e dell’impegno…

Leggi tutto