Ministro Bonafede ci dica chi ha posto “i dinieghi o i mancati gradimenti” per Antonino Di Matteo al Dap.

Di Vincenzo Musacchio Ho ascoltato con molta attenzione l’audizione del dottor Antonino Di Matteo in Commissione Parlamentare Antimafia. Racconta con minuzia i fatti con tutta la loro vitalità, sembra quasi di riviverli. E’ il 19 giugno del 2018 quando Di Matteo va a parlare con il ministro della Giustizia per comunicare l’accettazione della direzione del Dap pensando sia solo una formalità. Appena di fronte al ministro, racconta Di Matteo, Bonafede mi disse: “Ho pensato al dottor Basentini, quale capo del Dap ed effettivamente poi ho visto che la richiesta di…

Leggi tutto

Musacchio: “Liberare i boss significa anche dimenticare le stragi di mafia”

All’indomani dell’anniversario della strage di Capaci, le riflessioni di Vincenzo Musacchio sulle numerose scarcerazioni dei boss della mafia con la “scusa” del coronavirus   di Lucia De Sanctis Vincenzo Musacchio, giurista e docente di diritto penale, associato della School of Public Affairs and Administration (SPAA) presso la Rutgers University di Newark (USA). Presidente dell’Osservatorio Antimafia del Molise e Direttore scientifico della Scuola di Legalità “don Peppe Diana” di Roma e del Molise, è stato allievo di Giuliano Vassalli e amico e collaboratore di Antonino Caponnetto.   Professore che ne pensa…

Leggi tutto

Caso Di Matteo: no al DAP per ben due volte, perché?

Di Matteo afferma per ben due volte (lo ribadisce anche nella controreplica al ministro) che la scelta della direzione del DAP a Basentini è stata presa dopo che molti detenuti di spessore avevano chiaramente detto di temere la sua nomina. Un punto da chiarire presto Di Vincenzo Musacchio* Non m’interessa sapere se ha fatto bene o male Antonino Di Matteo a intervenire nella trasmissione di Giletti. Non m’interessa perché l’ha fatto ora e non prima. In questo momento m’interessa sapere perché un ministro della Repubblica Italiana prima chiama a dirigere…

Leggi tutto