I tentacoli della mafia sull’eolico

Broken Wings, Eolo, Hermes sono solo alcune delle indagini che hanno disvelato le infiltrazioni mafiose nel business delle energie rinnovabili di Vincenzo Musacchio Molteplici sono le inchieste giudiziarie che hanno portato alla luce infiltrazioni mafiose sull’energia eolica (cfr. per tutti l’indagine della DDA di Palermo su Vito Nicastri attualmente condannato in via non definitiva a quattro anni per il delitto d’intestazione fittizia di beni). L’indagine, ha fatto emergere un giro di tangenti alla Regione siciliana finalizzate ad agevolazioni nelle pratiche relative proprio agli investimenti sulle energie rinnovabili. Questa assieme a…

Leggi tutto

Possibili soluzioni dopo l’ordinanza della Consulta sull’ergastolo ostativo

Per evitare che le richieste sull’ergastolo ostativo inoltrate a suo tempo da Totò Riina vengano soddisfatte, è necessario che le lacune legislative messe in luce dalla Consulta siano colmate con urgenza. Ecco alcuni dei provvedimenti che si potrebbero adottare. di Vincenzo Musacchio L’ordinanza n. 97/2021 sull’ergastolo ostativo per delitti di mafia, depositata presso la Consulta, non è, per ora, un provvedimento libera tutti. È un’ordinanza che ritiene sia non conforme alla Costituzione il considerare la collaborazione, l’unica via di accesso per ottenere la liberazione condizionale. In sostanza si abbandona l’assunto…

Leggi tutto

Il 41 bis è ancora necessario nella lotta alle mafie

Che senso ha rieducare chi non vuol essere rieducato tantomeno risocializzato? Se esiste il diritto alla libertà morale (inviolabile in base all’art. 2 Cost.) la persona può decidere di non volersi rieducare e risocializzare? di Vincenzo Musacchio Il regime di cui all’articolo 41 bis dell’ordinamento penitenziario è uno strumento normativo che si è dimostrato efficace nel contenere il potere dei boss mafiosi ristretti in carcere. La sua efficacia è comprovata dal fatto che i boss non riescono più a impartire ordini con la facilità di un tempo ai propri affiliati…

Leggi tutto

Covid-19: il crimine organizzato è diventato multinazionale

Di Vincenzo Musacchio* L’era del Covid-19 sarà ricordata anche come il periodo storico in cui per la prima volta le mafie mondiali creano, di fatto, una “Associazione del Crimine Organizzato Transnazionale”. Si tratta della prima organizzazione del genere nella storia delle mafie. L’hanno voluta, concepita e creata una buona parte delle mafie mondiali. Così come esiste l’Organizzazione delle Nazioni Unite, esiste anche l’Organizzazione delle Mafie Unite. Il suo atto costitutivo iniziale avviene tra la ndrangheta (la mafia più potente d’Europa) e i cartelli della droga messicani e colombiani. La collaborazione…

Leggi tutto

La pericolosità delle infiltrazioni mafiose nel settore pubblico

di Vincenzo Musacchio In Italia le mafie sono riuscite penetrare nelle più alte sfere del governo nazionale e di quello locale. La natura e l’estensione dell’infiltrazione nel settore pubblico varia secondo il tipo e del profilo dei gruppi criminali organizzati. Le continue metamorfosi mafiose hanno portato all’abbandono delle forme tradizionali del metodo mafioso e all’approdo verso “nuove” forme di criminalità organizzata che mostrano diversi modelli di comportamento, motivazioni e approccio nei confronti dello Stato. Le mafie hanno ancora bisogno dello Stato per conservare la propria ricchezza e continuare a prosperare.…

Leggi tutto

Mafie, Covid-19 e rifiuti tossici in Europa: un affare per miliardi di euro.

Con l’arrivo dell’epidemia di Covid-19 in Europa, il mercato dei traffici illegali di rifiuti è diventato sempre più florido. Negli ultimi mesi, a causa del forte coinvolgimento delle mafie italiane nel settore, si registrano alcune anomalie. La gestione dei rifiuti, in particolare di quelli pericolosi, è pertanto un settore da sorvegliare con attenzione giacché essi hanno anche un enorme impatto negativo sull’ambiente naturale. Gli Stati membri dell’Unione europea investono miliardi di euro, per cui, la gestione dei rifiuti ha offerto immediatamente alle reti criminali mafiose l’opportunità di incrementare le loro…

Leggi tutto

Ministro Bonafede ci dica chi ha posto “i dinieghi o i mancati gradimenti” per Antonino Di Matteo al Dap.

Di Vincenzo Musacchio Ho ascoltato con molta attenzione l’audizione del dottor Antonino Di Matteo in Commissione Parlamentare Antimafia. Racconta con minuzia i fatti con tutta la loro vitalità, sembra quasi di riviverli. E’ il 19 giugno del 2018 quando Di Matteo va a parlare con il ministro della Giustizia per comunicare l’accettazione della direzione del Dap pensando sia solo una formalità. Appena di fronte al ministro, racconta Di Matteo, Bonafede mi disse: “Ho pensato al dottor Basentini, quale capo del Dap ed effettivamente poi ho visto che la richiesta di…

Leggi tutto

Nuovi modelli di analisi e di lotta al crimine organizzato

Con il passare degli anni, gli strumenti di lotta alle mafie sembrano aver perso d’intensità e di significato prospettando l’esigenza di nuovi modelli adeguati al tempo e alle evoluzioni delle nuove mafie. Di Vincenzo Musacchio Oggi ci troviamo sempre più di frequente ad aver a che fare con organizzazioni criminali transnazionali, capaci di stringere alleanze con reti criminali di altri Paesi in maniera articolata o anche solo per una singola operazione illecita. E’ inutile nasconderlo, la libera circolazione di merci e capitali ha generato enormi opportunità che le organizzazioni criminali,…

Leggi tutto

Io sto sempre con Di Matteo, non cambio idea per opportunismo

Si accertino responsabilità e collusioni, se vi sono state. Sto con Di Matteo quando ricerca la verità Di Vincenzo Musacchio Noi italiani siamo un Paese senza memoria. L’Italia rimuove il suo passato e conserva solo ciò che le fa comodo. È un paese, gattopardesco, in cui tutto cambia per restare com’è. In cui tutto scorre per poi impantanarsi nella melma della politica corrotta. Se l’Italia avesse cura della sua memoria, si accorgerebbe di uomini cinici, distaccati dall’etica, insofferenti alla coerenza, e privi di qualsiasi tensione morale che siedono sugli scranni…

Leggi tutto