Galizia, i corsari della coca

Hotspot emergente della coca, la Galizia è controllata da quattro clan che gestiscono il traffico dalla Colombia verso l’Europa

Fonte: https://elpais.com/elpais/2018/07/02/inenglish/1530521093_187450.html 

Versione italiana a cura della Redazione del Tacco d’Italia

 

La Galizia continua a essere una delle principali roccaforti della droga in Spagna, con la maggior parte della cocaina che entra nella regione attraverso i motoscafi. “Pochi stupefacenti arrivano qui attraverso i container delle navi. Continuiamo a utilizzare i motoscafi”, afferma il veterano narcotrafficante della Galizia. “Siamo gente di mare. E i Colombiani vogliono che lo facciamo in questo modo. Mandano una barca da pesca o una nave mercantile con la merce, attraversiamo metà dell’oceano sui motoscafi e riportiamo i pacchi a terra”.

 

Oggi la Galizia è controllata da quattro principali signori della droga. Decidono quanta cocaina entra e come, in un’alleanza con le bande colombiane mantenuta per decenni.

Cercano di essere discreti. Alcuni svolgono il ruolo di uomini d’affari di successo, mentre altri non hanno mai lasciato i loro villaggi costieri

 

Non sanno cosa fare con i soldi. Non vogliono riciclarli per non essere catturati, quindi hanno stanze intere con pile di denaro che raggiungono il tetto”, dice un membro del GRECO (la squadra speciale contro il crimine organizzato della polizia spagnola) in servizio in Galizia. “Il traffico di cocaina può essere invisibile e le persone che lo controllano sono molto intelligenti”. Spiega che “sono imprenditori con progetti continui. Alcuni funzionano bene e altri no, ma non si fermano. Fino a quando l’intera rete non verrà smantellata completamente, non si fermeranno”. Il funzionario del Greco dice che parte del problema è che la polizia spesso sceglie di indagare su casi locali per ottenere risultati rapidi e facili condanne ed evitare indagini più complesse che richiedono tempo e risorse. “Non possiamo affrontare il problema in questo modo”, dice.

 

Seguire il patrimonio dei trafficanti di droga può creare molte difficoltà, affermano i procuratori Ana Villagómez e Macarena Arroyo, ma secondo De Lucas, lo scorso anno, il numero di casi contro i trafficanti di droga è diminuito e solo l’8% era legato al riciclaggio di denaro sporco.

 

Un ufficiale di polizia della Forza Anti-narcotici spiega come funziona il traffico di droga: “La cocaina appartiene ai colombiani. Loro la portano in Europa, dove entra attraverso la Spagna. Quindi la merce viene trasferita agli acquirenti”. Secondo la polizia nazionale, questi acquirenti sono potenti trafficanti di droga olandesi di origine marocchina con sede in Andalusia. “Sono i più pericolosi e potenti. Si sono allontanati dall’hashish e ora si concentrano con riservatezza sulla cocaina”. Lavorano con bande di Kosovari e Albanesi con sede a Valencia e con le mafie serbe di Barcellona, ​che comprano la cocaina e la distribuiscono in tutta Europa. “Queste sono le persone che combatteremo in futuro”.

 

2/fine

 

Leggi anche:

Spagna, buco nero della cocaina

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!