Mafia foggiana, arresti in tutta Italia

Estesi fino alla Lombardia i tentacoli delle famiglie di San Severo. In mattinata conferenza stampa a Bari, con il procuratore nazionale de Raho

Dalla Puglia alla Lombardia, passando per Abruzzo, Campania, Marche: sono scattati stamattina gli arresti in diverse regioni per decine di persone legate alle famiglie mafiose di San Severo, nel foggiano.


Associazione mafiosa, estorsione, traffico e spaccio di droga, tentato omicidio, sono solo alcuni dei capi d’accusa contenuti nei provvedimenti d’arresto firmati dal gip di Bari, per persone residenti nelle province di Milano, Rimini, Ascoli Piceno, Fermo, Campobasso, Pescara, Teramo, Napoli e Salerno, oltre che in diverse zone della Puglia.

Maggiori dettagli nelle prossime ore: alla conferenza stampa, che si terrà in mattinata a Bari, è atteso anche il procuratore nazionale antimafia, Cafiero de Raho.

 

// GLI AGGIORNAMENTI
Sono uomini dei clan La Piccirella, Severino e Nardino, vertici compresi, i 54 arrestati questa mattina dalle forze dell’ordine. Tra i nomi spiccano quelli di Giuseppe Vincenzo La Piccirella, Severino Testa, Franco e Roberto Nardino, a capo delle omonime famiglie. Le quali, dicono gli inquirenti che indagano dal 2015, avevano ormai un ruolo di spicco nell’approvvigionamento di droga dall’estero e nel traffico della stessa in Capitanata, suscitando il rancore di altri gruppi malavitosi della zona.


Proprio alcuni regolamenti di conti tra rivali hanno attirato l’attenzione delle forze dell’ordine. Per la prima volta viene contestato il reato di associazione di tipo mafioso alle famiglie di San Severo, che assumono quindi un profilo del tutto autonomo rispetto alla mafia foggiana. Estorsione, tentata estorsione, associazione finalizzata al traffico di droga, spaccio, danneggiamento, reati in materia di armi, lesioni personali e tentato omicidio, aggravati dalle finalità mafiose, i reati contestati.


Tra le vittime delle intimidazioni accertate del gruppo, anche un commerciante, che ha subito un tentativo di estorsione e danneggiamenti alle proprietà: la casa in cui viveva, il negozio, l’automobile.

 

Leggi anche: 

Mafia a Foggia, ecco cosa dice l’ultima relazione della DIA

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!