Il bimbo di 7 anni tolto dalla madre e portato in Questura

Nessuna giustizia può permettere in nome del popolo italiano che un piccolo cittadino subisca simili traumi violenti. #noninmionome

 

di Marilù Mastrogiovanni

Stanno portando via il bambino dalla sua mamma.


Sono andati stamane gli agenti della Questura di Lecce per dare esecuzione al decreto della presidente del Tribunale dei minori Lucia Rabboni, che ha deciso che il bimbo di 7 anni non dovrà più stare con sua madre, ma dovrà essere rinchiuso in una casa famiglia con il padre violento.

Sul padre pende da diversi anni un processo penale per violenza e percosse nei confronti della mamma e del bimbo: non si è arrivati ancora al primo grado, nonostante le evidenze delle denunce sporte e i danni permanenti riportati a causa delle percosse dalla mamma del bimbo.
In mio possesso ho tutti gli atti processuali e ho verificato ogni passaggio.

Come può un giudice, in nome del popolo italiano, deportare un bimbo, e costringerlo a vivere tra quattro mura, insieme al padre violento, che il bimbo non vuole vedere?


In questo momento gli agenti stanno portando il bimbo in Questura.
In Questura! Un bimbo di 7 anni.


Ma che Paese è questo? Che Italia è? Che Giustizia è?


Una giustizia amministrata #noninmionome

 

Per saperne di più: 

Se il Tribunale consegna il bimbo all’orco

“Non denunciate la violenza, sennò vi tolgono i figli”, l’urlo di dolore di una mamma

 

Leggi anche: 

Io voglio bene a mio papà

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

1 Commento

  1. Avatar
    Lara Neri

    Cosa possoamobfare per aiutare questa povera donna e il suo bambino?
    Una raccolta firme ,fondi ,un appello al Ministro della goustizia? Al Presidente sella Repubblica?

    Reply

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Marilù Mastrogiovanni

Faccio la giornalista d'inchiesta investigativa e spero di non smettere mai. O di smettere in tempo http://www.marilumastrogiovanni.it/chi-sono-2/

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!