Colpo alla camorra in Andalusia

Scacco al clan italiano Marranella, grazie all’“Operazione Maverick II”. La Guardia Civile spagnola arresta 14 persone di una rete criminale dedita al traffico di droga e ai sequestri in Costa del Sol, nel sud della Spagna

Fonte: https://www.elespanol.com/espana/20190205/golpe-camorra-andalucia-guardia-civil-clan-marranella/373962825_0.html 

Versione italiana a cura della Redazione del Tacco d’Italia

La Guardia Civile spagnola, in collaborazione con i Carabinieri italiani, ha arrestato 14 persone e ne ha indagate altre 7 in diverse parti della Costa del Sol e di Gibilterra, accusate di far parte della camorra. In particolare, gli arrestati apparterrebbero al clan Marranella, “uno dei più importanti e violenti impegnati nel narcotraffico internazionale”, precisano le forze armate.

Con questo colpo, la Guardia Civile ritiene che il troncone spagnolo del clan sia stato disarticolato. Gli arrestati sono accusati di aver trasportato hashish e di averlo venduto poi nelle piazze di spaccio romane. A Gibilterra, inoltre, un gruppo di cittadini britannici avrebbe aiutato i trafficanti nel sottrarre grandi quantità di droga ad altre mafie locali.

Hanno usato “violenza estrema“, ha riferito la Guardia Civile, e hanno usato armi da fuoco per sequestrare altri trafficanti di droga della zona. Sono, infatti, accusati di aver rapito due italiani e di un tentativo di rapimento verso uno spagnolo.

“Il sequestro dei due italiani è avvenuto nel mese di marzo 2018, quando, in pieno giorno e in una strada centrale nella città di Manilva (in provincia di Malaga), due presunti trafficanti di droga italiani, sotto la minaccia delle armi, sono stati trattenuti per diverse ore”, precisa la Guardia Civile. Hanno anche picchiato un trafficante di droga spagnolo e hanno provato a spingerlo all’interno di un veicolo. Ma i parenti della “vittima” hanno ostacolato il tentativo di rapimento.

I gangster erano soliti portare la droga in Italia a bordo di camper noleggiati.

 

14 detenuti

L’“Operazione Maverick II”, come detto, ha portato all’arresto di 14 persone e a 7 indagati di diverse nazionalità: italiana, inglese, spagnola, domenicani e rumena, alcuni dei quali latitanti nei loro paesi d’origine, come l’Italia e la Gran Bretagna.

L’organizzazione era retta da tre membri della stessa famiglia italiana, padre e due figli (in Costa del Sol), del clan mafioso Marranella di Roma.

Il gruppo criminale, considerato il più attivo e strutturato nell’area, era stato smantellato in diverse città italiane lo scorso ottobre, quando i Carabinieri di Ostia (Roma) , durante l’“Operazione Maverick” avevano arrestato 42 persone e sequestrato beni per un valore superiore a 2 milioni di euro.

 

Durante l’inchiesta della Guardia Civile, in Francia, Spagna e Italia, sono stati sequestrati oltre mezza tonnellata di hashish, sei auto e un camper utilizzati per il trasporto della droga. Perquisizioni domiciliari sono state effettuate in diverse località della Costa del Sol, dove i membri dell’organizzazione criminale risiedevano, rinvenendo contanti e diverse quantità di hashish e marijuana.

La polizia ha anche trovato una botola nascosta in una fattoria a Zabal della Linea de la Concepción (Cadice) dove, una stanza sotterranea “perfettamente rivestita” è stata utilizzata per immagazzinare una tonnellata di hashish da esportare in Italia.

L’operazione è stata effettuata dall’“Equipo Contra el Crimen Organizado de la Unidad Central Operativa” (Uco), con sede a Malaga, insieme all’Arma dei Carabinieri di Ostia (Roma) e diretta dalla Corte di Estepona (Malaga), che ha deciso il carcere per 13 degli arrestati. A causa del pericolosità dei coinvolti, hanno partecipato all’azione anche squadre di assalto specializzate appartenenti al “Grupo de Acción Rural” (Gar) della Guardia Civile, nonché unità territoriali del Comando di Malaga.

 

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!