Teatro Petruzzelli, Giampaolo Bisanti dirige l’orchestra e il solista Jan Lisiecki

Grande attesa per il pianista canadese: in programma Beethoven e Schumann, con la guida del direttore stabile della Fondazione lirica Petruzzelli

di Francesca Rizzo

“Un pianista che sa fare in modo che ogni nota conti”: così il New York Times ha definito Jan Lisiecki, il giovanissimo canadese che domenica 10 febbraio si esibirà da solista presso il Teatro Petruzzelli di Bari; a guidare l’orchestra, evento nell’evento, Giampaolo Bisanti, dal 2016 direttore stabile della Fondazione lirica Petruzzelli.

La straordinaria maturità interpretativa, il suono distintivo e la sensibilità poetica sono gli elementi che hanno reso già Lisiecki, nonostante i suoi 23 anni, un grande interprete della musica classica; un pianista che ha girato il mondo, collaborando con orchestre prestigiose. Tra i riconoscimenti ricevuti finora, un Gramophone Award nella categoria ‘Young Artist’  (Lisiecki è il più giovane artista di sempre ad aggiudicarsi il premio) ed un Leonard Bernstein Award dal Festival Musicale dello Schleswig-Holstein, entrambi nel 2013.

A lui sono stati dedicati inoltre approfondimenti come il documentario The reluctant prodigy, realizzato da CBC National News.

 

Questo il programma della serata di domenica prossima: Concerto n.3 in do minore per pianoforte e orchestra, op. 37 di Ludwig van Beethoven e Sinfonia n.2 in Do maggiore op. 61 di Robert Schumann.

 

// Le biografie

 Giampaolo Bisanti, direttore

Giampaolo Bisanti

Nato a Milano, compie i suoi studi musicali presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” della sua città, diplomandosi con il massimo dei voti.

Risulta vincitore di numerosi concorsi internazionali, tra cui spicca il prestigioso “Dimitri Mitropoulos” di Atene.

È regolarmente invitato dai più prestigiosi teatri Italiani (Regio di Torino, Fenice di Venezia, Petruzzelli di Bari, Carlo Felice di Genova, Maggio Musicale Fiorentino, Teatro Lirico di Cagliari, Teatro Verdi di Trieste, Teatro Massimo di Palermo) e da alcune delle più prestigiose istituzioni internazionali (Deutsche Oper Berlin, Royal Opera House di Stoccolma, Dresden Semperoper, Opernhaus Zurich, Liceu di Barcelona e molti altri).

Affronta con grande duttilità tutto il repertorio operistico italiano spaziando dal Belcanto di Bellini e Donizetti, passando per Verdi e arrivando a Puccini e tutto il repertorio verista.

Nell’ultima Stagione, molto importanti sono stati i suoi debutti alla Semperoper di Dresda con La Boheme, alla Deutsche Oper di Berlino con il Rigoletto, alla Opernhaus di Zurich con La Boheme, al Theater St. Gallen con Norma, al Teatro Carlo Felice di Genova con Andrea Chenier, al Teatro Petruzzelli di Bari con Tosca, al Liceu di Barcelona con Macbeth al Festival di Peralada con Turandot.

Da Novembre 2016 è Chief Conductor della Fondazione Petruzzelli di Bari

Jan Lisiecki, pianoforte

Jan Lisiecki (photo credits: Holger Hage, Deutsche Grammophon)

Jan Lisiecki è nato da genitori polacchi in Canada nel 1995. Ha iniziato le prime lezioni di pianoforte all’età di cinque anni e ha debuttato in concerto quattro anni dopo, rifiutando però sempre l’etichetta di “bambino prodigio“. Il suo approccio alla musica è una rinfrescante combinazione di dedizione, talento ed entusiasmo.

Si esibisce con le più prestigiose orchestre del mondo e nei teatri più rinomati; ha inoltre al suo attivo intense collaborazioni con direttori del calibro di Sir Antonio Pappano, Yannick Nézet-Séguin, Daniel Harding e Claudio Abbado. Il suo quarto album, registrato con la NDR Elbphilharmonie Orchester e Krzysztof Urbański per Deutsche Grammophon, comprende le opere di Chopin per pianoforte e orchestra raramente eseguite. Con questa registrazione Jan Lisiecki ha ricevuto un ECHO Klassik nell’agosto 2017.

Eventi recenti hanno incluso il suo debutto ai BBC Proms con Sir Antonio Pappano alla Royal Albert Hall, il debutto nell’auditorium principale della Carnegie Hall di New York con la Philadelphia Orchestra, concerti con la New York Philharmonic e la Sächsische Staatskapelle Dresden, debutti con la Cleveland Orchestra e la San Francisco Symphony e la partecipazione al festival di apertura della nuova Elbphilharmonie di Amburgo. Ha inoltre da poco debuttato con Valery Gergiev e la Filarmonica di Monaco.

Nella stagione 2017/18, Jan Lisiecki inaugura la stagione con la Toronto Symphony Orchestra, ritorna alla DSO di Berlino e all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma e si esibisce con la Boston Symphony Orchestra e la London Symphony Orchestra.

Jan Lisiecki registra in esclusiva per Deutsche Grammophon.

 

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment