Il Majorana “in cattedra” su Rai Scuola

BRINDISI. L’iniziativa nell’ambito dell’accordo tra la tv pubblica e il ministero dell’Istruzione. Corso di matematica: funzioni e indefiniti. Disponibili 105 lezioni

 

 di Stefania De Cristofaro

 

BRINDISI – Debutto in Rai per i prof dell’istituto Ettore Majorana di Brindisi, dopo l’accordo tra la tv di Stato e il ministero dell’Istruzione per la didattica a distanza nel periodo di lockdown per il Covid 19.

Oggi sono iniziate le video lezioni sul canale Rai Scuola, 146 del digitale terrestre: si parte con la matematica, stando al calendario reso noto dal dirigente scolastico, Salvatore Giuliano, componente dello staff del Ministero dopo essere stato sottosegretario alla Pubblica Istruzione.

La prima lezione registrata e consegnata alla Rai per essere mandata in onda è stata tenuta dal Pierluigi Magli: “Massimi e minimi di funzione”. Inizio alle 9,30, fine alle 14,30. Una full immersion pensata e rivolta agli studenti degli istituti tecnici e dei licei. Domani, sempre con inizio alle 9,30 e sino alle 14,30, è prevista la seconda lezione: “Gli integrali indefiniti”. A salire in cattedra, Valerio Guido.

 

Al momento sono state realizzate 105 lezioni. “Sono disponibili per tutti”, spiega il dirigente scolastico. “Sono state realizzate a cura di Anna Maria Rescio”. I docenti, intanto, continuano con le lezioni on line rivolte agli studenti dell’istituto tecnico, settore tecnologico, liceo delle scienze applicate.

La collaborazione tra il Majorana e la Rai è stata presentata a Roma, nel corso della conferenza stampa che si è tenuta il 16 aprile scorso. Il Majorana produrrà video lezioni su una serie di materie, tecniche e non, che la Rai trasmetterà già dalla settimana prossima

I video sono stati affidati a 15 docenti dell’istituto di Brindisi e riguardano le lezioni di chimica, matematica, fisica, storia, filosofia, scienze e informatica.

 

Clicca e leggi l’intervista al prof. Salvatore Giuliano

 

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Stefania De Cristofaro

Giornalista per passione e professione. Nata a Napoli, brindisina d'adozione, laurea in Scienze politiche e relazione internazionali all'Università del Salento

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!