Violenza di genere, Giraffa onlus: “La nostra battaglia non va in quarantena”

osso rotto frattura

L’attrice Daniela Baldassarra testimonial della campagna di sensibilizzazione per ricordare alle donne che il numero di emergenza contro la violenza di genere 1522 è sempre attivo

L’INVISIBILITA’ NON E’ UN SUPER POTERE – La mostra all’ospedale San Carlo di Milano
L’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano e la Fondazione Pangea Onlus hanno esposto nell’atrio dell’ospedale San Carlo una mostra con le radiografie effettuate alle donne arrivate nei pronto soccorso e che hanno dichiarato di aver subito violenze.

Da quando è iniziata la quarantena sono dimezzate le chiamate al 1522, il numero verde per aiutare le donne vittima di violenza.

Non significa che la violenza di genere sia diminuita: piuttosto, è il segno che le donne, chiuse in casa con i loro aguzzini, vedono diminuire le possibilità di chiedere aiuto. Così, il centro antiviolenza Giraffa onlus di Bari lancia una campagna di sensibilizzazione sui social, rivolte alle donne, perché trovino la forza di chiedere aiuto.

“In questo periodo di emergenza sanitaria dovuta al contenimento del Covid-19 – scrive Giraffa onlus – stiamo tutti attraversando una condizione di limitazione della nostra libertà, con un conseguente innalzamento – nell’ambito di relazioni già violente – delle tensioni, che spesso si traduce in un incremento di violenza maschile ai danni delle donne e minori.

Giraffa Onlus (che fa parte della rete REAMA- Fondazione Pangea Onlus) si è interrogata sui metodi che il centro antiviolenza “Paola Labriola” deve utilizzare e/o riconvertire per dare una risposta alle donne in difficoltà poiché, oggi più di ieri, tali situazioni di violenza rischiano di restare mute nell’isolamento delle mura domestiche. Al dolore bisogna dare parola, perché un dolore che non ha parola rischia di spezzare il cuore.

In quest’ottica abbiamo deciso di far partire una campagna di comunicazione e sensibilizzazione che possa ricordare a tutte le donne che i Centri Antiviolenza possono aiutarle tramite l’accoglienza telefonica, tramite chat, sms ed email.

Faremo accoglienza telefonica (info: 348-4908263) e nei casi emergenziali ci organizzeremo per incontrarle.

In questa campagna simbolicamente chiamata “La violenza non va in quarantena, ma nemmeno noi!” ci fa da testimonial per il lancio la nostra amica, attrice e monologhista Daniela Baldassarra, che da anni ci affianca negli eventi di sensibilizzazione, ma successivamente saranno protagoniste tutte le operatrici, psicologhe, avvocate, psichiatre del Centro antiviolenza Paola Labriola.

Seguiteci quindi sulle nostre pagine social. Per informazioni: 348-4908263

 

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!