Covid 19, due estrattori alla Asl di Brindisi: risultati dei tamponi in cinque ore

Oggi è arrivato il primo, mercoledì arriverà il secondo. Il direttore del laboratorio analisi, Santoro: “Lavoreremo anche con metodi alternativi per monitorare gli anticorpi nel sangue e l’antigene nel tampone”. Intanto al via i corsi parto on line

Di Stefania De Cristofaro

BRINDISI – Non uno, ma due estrattori per la Asl di Brindisi. Il primo è arrivato oggi nel laboratorio analisi dell’ex ospedale Di Summa, l’altro è atteso per mercoledì, nella stessa struttura. Si tratta di due macchinari in grado di estrarre in maniera automatica e non manuale, come è avvenuto sino ad ora, gli acidi nucleici virali, passaggio determinante per le analisi dei tamponi relativi al Covid 19.

La novità

La notizia, anticipata lo scorso 28 marzo da Il Tacco d’Italia, è di fondamentale importanza perché in tal modo l’Azienda sanitaria di Brindisi potrà velocizzare i tempi necessari a processare i tamponi, fornendo risposte celeri nella lotta contro la diffusione del Coronavirus. Ormai è chiaro a tutti che in questa fase della pandemia, occorre fare presto.

Gli estrattori

Il primo macchinario è in grado di estrarre acidi nucleici MagNa Pure di Roche Diagnostics ed è completo di kit di reagenti. E’ arrivato dall’Olanda. Dall’Olanda arriverà anche il secondo estrattore, Life Technologies Europe, con relativi kit: la consegna, stando agli accordi, è attesa per mercoledì mattina. Per quella data dovrebbe entrare in funzione il primo estrattore.

Il kit di reagenti

“Questa è la migliore risposta per chi, nei giorni scorsi, ci ha chiesto di rassicurare i cittadini sulle nostre iniziative”, dice il direttore generale della Asl di Brindisi, Giuseppe Pasqualone. “In una situazione internazionale di scarsa disponibilità di reagenti siamo riusciti a procurarci una fornitura di kit indispensabili per le analisi”.

“Il laboratorio del Di Summa – continua il direttore generale – ha appena ricevuto l’accreditamento sui campioni processati”.

Il tempo necessario agli esami

Con due estrattori a regime, quanti tamponi potrà processare il laboratorio di analisi della Asl? E quanto tempo sarà necessario attendere per ottenere i risultati?

Le risposte arrivano dal direttore dell’Unità operativa complessa di Patologia clinica del Perrino, Angelo Santoro, responsabile del laboratorio di analisi del Di Summa: “Riusciremo a esaminare 120 tamponi al giorno con un risultato per il primo gruppo disponibile in cinque ore”, anticipa. Non solo. “In più lavoreremo anche con metodi di analisi alternativi per monitorare gli anticorpi nel sangue e l’antigene nel tampone”.

I lavoratori privati

Da stamattina, inoltre, è attiva la collaborazione tra la Asl di Brindisi e il Centro studi medici di Costanzo Mardighian, con sede a Mesagne: qui sono stati esaminato i primi venti tamponi, dopo il via libera del centro di riferimento di Bari che ha validato la metodica delle analisi per il Covid-19. A regime, la struttura si è detta pronta a processare 80 tamponi al giorno.

E’ in attesa di entrare nel circuito il laboratorio privato Apulia Diagnostic.

I corsi per le partorienti

Considerando il rischio di contagio, la Asl ha organizzato e attivato corsi on line rivolti alle future mamme: “Sono lezioni che aiutano le donne ad affrontare il momento del parto e a superare tutti i timori legati a questo periodo particolare”, spiegano dal consultorio di Mesagne. Le ostetriche, ci sono. Le partorienti potranno rivolgere le domande in rete.

Per partecipare ai corsi, è necessaria la prenotazione ai numeri: 0831-739485 oppure 739506.

“Forza mamme, andrà tutto bene”, dicono. “Noi ostetriche siamo in rete, voi state a casa”.

Un minuto di silenzio per le vittime

Pensando a chi non c’è più, a tutte le persone che in Italia sono state strappate alla vita dal Covid-19, l’Anci (l’associazione che riunisce i Comuni) e il presidente della Provincia di Bergamo, Gianfranco Gafforelli, hanno proposto di ricordare le vittime con un minuto di silenzio alle 12 di domani, martedì 31 marzo. Tutti i palazzi sede degli uffici comunali avranno le bandiere a mezz’asta e i sindaci indosseranno il tricolore.

“Sarà un momento di raccoglimento collettivo per ricordare tutte le persone vittime dell’epidemia e allo stesso tempo per onorare gli operatori sanitari”, si legge nella nota dell’Anci. “Ci daremo reciproco sostegno, necessario per guardare al futuro con speranza”.

Per saperne di più:

Covid 19, a Brindisi arriva un estrattore dall’Olanda: responso sui tamponi in meno tempo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!