Parabita ricomincia da Parco Angelica: in arrivo 950mila euro

L’annuncio del neosindaco Stefano Prete: interventi per il “miglioramento delle condizioni di legalità” nel paese, nella zona dedicata alla piccola Pirtoli

 

950mila euro, stanziati dal Ministero dell’Interno, perché Parco Angelica rivesta appieno quella funzione di presidio della legalità che ha incisa già, nel nome e nella storia.

Nel nome, perché “Angelica”, alla quale è dedicata l’area (circa 7mila metri quadri, sulla provinciale Parabita-Alezio), è Angelica Pirtoli, la bambina che il 20 marzo del 1991, a soli due anni, proprio nelle campagne di Parabita fu vittima della vendetta, assurda e feroce, di mafiosi senza scrupoli: Anna De Matteis (“Anna Morte”, com’è stata ribattezzata) ha condannato a morte Paola Rizzello, 27enne amante del marito e madre di Angelica. Biagio Toma, incaricato insieme a Luigi De Matteis di eseguire la condanna, uccise barbaramente anche la piccola, in un primo tempo lasciata per una notte intera, già ferita e agonizzante, sul corpo di Paola: Angelica fu ammazzata a due anni, il giorno dopo, in quanto testimone dell’omicidio della madre.

 

Nella storia, perché il parco apparteneva a Giorgio Romano, usuraio e manipolatore d’aste giudiziarie ucciso proprio in quell’area nel 2008, da Vincenzo De Salve, danneggiato dalle attività di Romano e condannato in appello a 30 anni di carcere. Confiscata nel corso delle indagini ed affidata alla parrocchia di Parabita, la zona è diventata nel 2012 un’area polifunzionale: Parco Angelica, appunto, un bene che, secondo Stefano Prete, eletto solo poche settimane fa sindaco, “riveste un’importanza fondamentale per la città di Parabita”.

 

Ora dunque, con i fondi in arrivo, il parco si arricchirà di “nuovi strutture e centri servizi per soggetti vulnerabili a rischio di devianza e strutture destinate alle fasce deboli della popolazione e dirette ad incidere sul miglioramento delle condizioni di legalità”, spiega ancora Prete.

 

Insomma, dopo gli avvenimenti degli ultimi anni (lo scioglimento della giunta Cacciapaglia per mafia, il commissariamento, la campagna elettorale per le nuove amministrative con le intimidazioni mafiose al candidato sindaco Marco Cataldo, che ha preferito ritirarsi dalla corsa, e l’elezione di Stefano Prete) Parabita ricomincia da Parco Angelica, con un’amministrazione che detta già il passo: strutture di legalità a contrasto dell’antistato.

 

21/06/2019 Per dovere di cronaca è giusto precisare che il progetto fu presentato dall’amministrazione guidata da Alfredo Cacciapaglia, e approvato con delibera di giunta il 18 giugno 2018. Dunque l’attuale amministrazione raccoglie i frutti della vecchia amministrazione Cacciapaglia, commissariata per mafia.

Per saperne di più:

Parco Angelica. Va alla parrocchia il terreno del boss   

Storie di donne e bambini uccisi dalla mafia

Mamma e figlia uccise dalla Scu. Nuova inchiesta

Angelica e Morte

Sciolto per infiltrazioni mafiose il Consiglio comunale di Parabita

Parabita, il Tar annulla lo scioglimento del Comune per mafia

Mafia a Parabita. Il sindaco: “Prefetto mai risposto”. E Igeco impera

Parabita, a Radio radicale il commissario prefettizio Cantadori denuncia: ci fu tentativo di condizionamento

Parabita: tutti un passo indietro, perché nessuno indietreggi

Parabita, Commissario straordinario Cantadori: mafia fenomeno trasversale

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Francesca Rizzo

Una laurea in Comunicazione, una specializzazione in Giornalismo e cultura editoriale. Dalla "cucina" (web) del giornale a quella di casa il passo è breve.

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!