Sacra corona e BCC, a Roma e Milano il processo contro la giornalista Pacella

Si apriva oggi il processo con imputazione coatta a carico di Fabiana Pacella e Stefano Elli, querelati dalla Banca di credito cooperativo. Accolte le richieste della difesa dei colleghi

Un primo importante risultato è giunto stamane nella prima udienza del processo penale a carico dei colleghi Fabiana Pacella e Stefano Elli, mandati a giudizio per diffamazione con imputazione coatta.
La vicenda riguarda l’inchiesta sulla Bcc Terra d’Otranto, il querelante è l’attuale presidente, Flavio Ciurlia, costituitosi in udienza parte civile (il suo legale si è riservato di quantificare il danno in sede di istruttoria).
Accolta dal giudice Mario Tosi l’eccezione della difesa di Pacella, affidata all’avvocato Carlo Gervasi,  sull’incompatibilità territoriale del tribunale di Lecce.
Oggetto di querela infatti, sono un articolo pubblicato su IlSole24Ore e confirmato da Pacella e Elli, e due articoli pubblicati da Pacella su Formiche.net.
Dopo una lunga camera di consiglio, il giudice si è espresso per lo sdoppiamento del processo che si terrà presso i tribunali di Milano e Roma, secondo quanto previsto dalle legge sulla stampa.

 

 

Per saperne di più

BCC di Terra d’Otranto, ecco le carte della Banca d’Italia

Ecco cosa è successo davvero alla BCC Terra d’Otranto

Terra d’Otranto, la BCC del credito malato

 

Le puntate dell’inchiesta: “Bombe, dune e BCC”

1 Commento

  1. roberta grima

    solidarietà alla collega Fabiana, che trionfi la giustizia per i cronisti seri, intellettualmente onesti, corragiosi, che difendono la verità anche contro i poteri forti. Un abbraccio Fabian

    Reply

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!