Brucia il Moderno

In fiamme il calzaturificio di Casarano

Mille metri quadrati divorati dalle fiamme. Una scintilla ha causato l'incendio del calzaturificio “Moderno” di Casarano. Inattivo dal 2003

Aveva chiuso i battenti dal 2003 per fallimento. Eppure ieri si è nuovamente tornati a parlare del calzaturificio “Moderno” di Casarano. A causa di un incendio che si è sviluppato nella mattinata, infatti, hanno bruciato per l’intera giornata i mille metri quadrati della sede dell’azienda. Un incendio di dimensioni spaventose, a causa dei materiali che erano contenuti nei capannoni, cioè pelli, tomaie, gomme, plastica, colle e vernici e altro ancora. I carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della Compagnia di Casarano hanno escluso che i fumi che si sono sprigionati avessero natura tossica; i vigili del fuoco hanno dovuto lavorare per diverse ore per poter domare le fiamme. Ci si chiede, a fuoco spento, come sia stato possibile che in uno stabile privo di energia elettrica si sia potuta scatenare una scintilla. La natura dell’incendio, dato questo dettaglio, potrebbe essere stata, quindi, dolosa. Ma sarà difficile stabilirlo, dal momento che fuoco e fiamme ed alte temperature avranno cancellato tutte le tracce di un possibile attentato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!