Calci all'arbitro. Arriva il 112

Partita sospesa

Violenza in campo durante la partita di terza categoria Castiglione-Poggiardo. Il giudice di gara espelle un giocatore della squadra ospite. E il dirigente lo prende a calci

Espelle un giocatore dalla panchina della squadra ospite ed un dirigente gli sferra un calcio. La partita viene sospesa e lui, l’arbitro, una volta negli spogliatoi telefona al 112 chiedendo l’intervento dei carabinieri. Giacomo Tramis, 19 anni, direttore di gara di una partita di calcio del campionato provinciale di Terza categoria, nello specifico Castiglione-Poggiardo, ha applicato in maniera puntuale le regole apprese durante il corso dell’Aia. Ma forse tanto rispetto del “codice” è dipeso dal fatto che il giovane arbitro altri non è che il figlio di Imerio Tramis, sostituto procuratore del Tribunale di Lecce. La partita verrà probabilmente considerata persa a tavolino dalla squadra ospite. Ma non è tanto l’esito sul campo, ai fini della classifica, che interessa di questa storia. Bensì il fatto che il giovane abbia dato l’esempio di comportamento corretto, ed il dirigente, invece, di comportamento da evitare. In un periodo come quello che il calcio italiano sta vivendo, in cui si cerca di infondere, almeno nei più giovani, il rispetto dell’avversario.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!