Non datecela a bere

Rileggi l’inchiesta su acqua e Acquedotto Pugliese

L’INCHIESTA. Ecco che cosa scriveva il Tacco d’Italia nel 2007 in un’inchiesta sull’acqua a firma di Cesare Mazzotta. E come siamo cambiati da allora.

Quella sulla qualità dell’acqua è una delle ‘antenne’ che il Tacco ha da sempre tenuto ben dritte. E’ del 2007 la prima inchiesta a firma di Cesare Mazzotta, storica firma del giornalismo pugliese, specializzato in sanità. Mazzotta illustrava il groviglio di competenze che fa si che la qualità dell’acqua pubblica non sia controllata fino al rubinetto di casa, ma solo fino al contatore dell’AQP, così che il cittadino non sa davvero che acqua beve. Non a caso i pugliesi sono tra i maggiori consumatori di acqua imbottigliata. Dal 2007 ad oggi la situazione è migliorata: siamo meno spreconi e i tubi perdono meno. Ma non sono miglioramenti risolutivi. Molto c’è ancora da fare. LEGGI QUI IL RAPPORTO LEGAMBIENTE PUGLIA http://www.ambienteambienti.com/wp-content/uploads/2013/10/tab.Puglia-XXed.pdf Il miglioramento e il maggiore rispetto del bene comune passa forse da un’app? Perché no. Purché si raccolgano risultati. LEGGI QUI L’INCHIESTA DEL TACCO ‘NON DATECELA A BERE’ di Cesare Mazzotta Link: https://www.iltaccoditalia.info/sito/index-a.asp?id=2436 http://issuu.com/taccoditalia/docs/tacco_d_italia_37/31

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati