Moto, prima volta in un circuito: le cose da sapere prima di scendere in pista

In Italia si trovano milioni di appassionati di moto. Si tratta di una tipologia di veicolo che può contare su mille vantaggi, al punto da rappresentare per molti una vera e propria filosofia. Naturalmente c’è chi riesce a trasformare questa passione in una professione, scendendo in pista e gareggiando nei vari circuiti e nelle varie classi, sin da giovanissimo. Ecco perché oggi scopriremo insieme tutte le cose più importanti da sapere prima di scendere in pista.

Le cose essenziali da sapere prima di scendere in pista

Per prima cosa, bisogna assolutamente controllare la moto con una grande attenzione anche ai particolari più piccoli. Ne va non solo delle prestazioni, ma anche della sicurezza del pilota, che per logica dovrebbe essere sempre messa in cima alla classifica delle priorità. La moto verrà infatti sottoposta ad uno stress notevole, dunque è necessario verificare una serie di elementi come il corretto serraggio delle viti, gli pneumatici, le condizioni della trasmissione e ovviamente lo stato dell’impianto dei freni. In secondo luogo, sarà necessario avere a disposizione una polizza, che copre il pilota nelle prove libere ma non nelle gare. Nel caso in cui ci fosse il bisogno, si potrebbero sfruttare alcuni tool online che permettono di fare il calcolo dell’assicurazione moto, per trovare la polizza migliore per le proprie esigenze. Ci sono altri consigli che possono tornare particolarmente utili a chi sta per scendere in pista per la prima volta nella propria vita.

Si fa ad esempio riferimento all’importanza di scacciare sin da subito la tensione, e alla necessità di tranquillizzarsi in sella. In sintesi, si suggerisce di evitare di forzare la mano sin dai primi giri e di voler strafare, soprattutto all’inizio, dato che non si ha ancora esperienza. Inoltre, conta molto l’abbigliamento, che dovrà essere tecnico e dotato di tutte le imbottiture e le protezioni di sicurezza nelle zone sensibili. La dotazione dovrebbe sempre comprendere anche il paraschiena che, pur non essendo obbligatorio, può fare la differenza in caso di cadute e incidenti. Infine, gareggiare in pista richiede una condizione fisica eccellente, per via delle grandi fatiche vissute durante la gara. Di conseguenza, anche i motociclisti dovrebbero fare una specifica preparazione atletica.

Gli aspetti tecnici sui giri da affrontare in pista

Innanzitutto, bisogna fare i compiti a casa: significa che il pilota deve sempre studiare minuziosamente il circuito che affronterà, così da conoscere le regole del Motorsport, come nel caso del funzionamento delle bandiere. Le piste vanno studiate singolarmente, per analizzare tutti i punti più delicati, e per preparare la propria strategia. C’è un altro elemento fondamentale che caratterizza ogni gara su circuito: la partenza, che deve essere esplosiva ma anche molto precisa. Da questa dipende non solo il risultato della gara, ma anche un aspetto fondamentale come la sicurezza. Dopo la partenza, è importante cercare di rimanere sempre nel gruppo, in modo da poter sfruttare l’eventuale scia. Questa strategia deve essere mantenuta fino a pochi giri dalla fine, quando poi arriverà il momento di programmare il grande sorpasso a danno degli avversari. Chiaramente bisogna capire sin da subito che gli sport su due ruote non sono né uno scherzo né un gioco, ma una cosa molto seria. Se non ci si prepara correttamente, e se non si tiene alta l’attenzione, c’è il rischio di farsi davvero male.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment