2021 a prova di tech: banche e assicurazioni sempre più digitalizzate

La digitalizzazione dei processi è una tendenza oramai in voga da diversi anni, sebbene l’Italia non sia ancora all’altezza degli altri grandi paesi europei. Fortunatamente, però, i passi in avanti mossi negli ultimi tempi sono evidenti, e il 2021 ne dà una conferma. Soprattutto per quel che riguarda la digitalizzazione di settori come quello delle banche e delle assicurazioni (ribattezzati rispettivamente come fintech e insurtech). Ecco perché oggi scopriremo proprio un approfondimento su queste novità.

La digitalizzazione delle banche e delle assicurazioni

Quando si parla di fintech e di insurtech, si fa riferimento ad una serie di innovazioni digitali inserite nel campo delle banche e delle assicurazioni. Si tratta dunque di veri e propri strumenti che consentono lo svolgimento di diverse azioni da remoto, direttamente online, e senza la necessità di recarsi in filiale. Le tecnologie rappresentano quindi l’anima pulsante del fintech, che in realtà ingloba anche l’insurtech, visto più che altro come un sotto-insieme.

In sintesi, oggi esistono delle piattaforme che danno modo di svolgere operazioni finanziarie online. Nel concreto, si ha la possibilità di richiedere e scegliere la durata e l’importo del prestito personale, come accade con Younited Credit ad esempio. Le varie procedure vengono così semplificate, e sono decisamente più rapide, oltre che raggiungibili da qualsiasi device (compresi i dispositivi mobile come gli smartphone).

 Per quel che riguarda i dati, stando alle previsioni di settore entro il 2024 il numero di utenti dell’home banking salirà oltre 3,6 miliardi di unità. Inoltre, l’esperienza d’utilizzo sarà sempre più semplice e immediata. Non a caso, il prossimo paragrafo verterà sull’usabilità e sulle app mobile.

L’usabilità e le app mobile per gli istituti di credito

Come anticipato, le app mobile di online banking andranno incontro ad un’ulteriore riprogettazione, in modo tale da renderle facilmente fruibili per chiunque. Anche per chi non ha una particolare dimestichezza con le nuove tecnologie. Sarà fondamentale imparare ad usarle, perché si va verso un futuro senza contanti, con i pagamenti che saranno effettuati per la maggior parte in digitale. Di conseguenza, il cosiddetto mobile payment diventerà essenziale anche nelle operazioni quotidiane, come nel caso della spesa al supermercato.

L’aumento dell’uso dei pagamenti online, comunque, introdurrà anche altre novità legate stavolta alla sicurezza. Qui si fa riferimento alla doppia autenticazione, che viene usata già oggi da diversi player, non solo nel settore dell’home banking. Nota anche come strong customer authentication, questo sistema ha ovviamente lo scopo di andare a potenziare la sicurezza dei pagamenti online. Questo per via del fatto che, con il boom del digitale, sono aumentati in maniera esponenziale anche i tentativi di truffa. In altre parole, si va verso un futuro della gestione del denaro non solo più digitale, ma anche più protetto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment