Lecce, ospedale Fazzi: 220 bombole di ossigeno scadute, sequestro Nas

Ispezione dei carabinieri nella giornata di ieri. La Asl: “Già sostituite, come era stato chiesto dalla direttrice della farmacia del Fazzi. Non sono mai entrate in funzione”

LECCE – Bombole d’ossigeno scadute trovate nell’ospedale di Lecce. I carabinieri del Nas ne hanno sequestrate 220 durante l’ispezione al Vito Fazzi.

LA SCOPERTA DEI CARABINIERI DEL NAS E IL SEQUESTRO

I militari del Nucleo Antisofisticazione hanno eseguito il sequestro a scopo probatorio nel pomeriggio di ieri, 12 novembre 2020. Le bombole, stando a quanto si apprende, contenevano ossigeno e altri gas medicali. Il controllo è stato eseguito nell’ambito delle attività di verifica del rispetto dei protocolli anti Covid 19 previsti dalle disposizioni di legge nelle strutture sanitarie.

L’esito è stato trasmesso alla pm Francesca Miglietta. Al momento, l’ipotesi di reato sulla quale la Procura sta lavorando è somministrazione di medicinali scaduti o imperfetti.

Le bombole sono state trovate nei locali della centrale del gas dell’ospedale: erano destinate al funzionamento di un impianto per la somministrazione di ossigeno ai pazienti. Impianto definito dalla Asl di Lecce come secondario, essendo destinato a entrare in funzione solo nel caso in cui guasto di quello principale.

LA ASL PRECISA: “MAI ENTRATE IN FUNZIONE E GIA’ SOSTITUITE”

Le bombole sequestrate non sono mai state usate, stando a quanto ha avuto modo di precisare la Asl di Lecce. “La centrale dei gas medicali è costituita da due bomboloni, uno di ossigeno e uno di azoto”, spiega in una nota stampa l’Azienda sanitaria locale. “Vi è una rampa di cestelli con più bombole (pacchi bombole) che entrano in funzione immediatamente e automaticamente in caso di mancato funzionamento della fonte primaria. Esiste poi una seconda rampa di cestelli con più bombole attivabili solo manualmente da un operatore in caso di estrema urgenza, per non funzionamento del sistema centrale e della rampa di emergenza ad attivazione automatica”.

“In questa seconda rampa di bombole, ad attivazione manuale (e mai entrata in funzione negli anni) sono state riscontrate, nei cestelli, delle bombole con data di utilizzo scaduta”, si legge sempre nella nota della Asl.

“I carabinieri del Nas, condividendo la richiesta della direttrice della farmacia del Presidio Ospedaliero Vito Fazzi, hanno disposto lo smontaggio delle bombole con prodotto scaduto presenti su questa seconda rampa. Le bombole successivamente sono state sottoposte a sequestro probatorio con contestuale contestazione della condotta alla ditta fornitrice e comunicazione all’Autorità Giudiziaria.

Anche la Asl Lecce contesterà alla ditta la inadempienza contrattuale riscontrata”.

 

Leggi anche:

15 Marzo 2020 – DEA di Lecce, un iter travagliato

16 Marzo 2020 – Ossigeno DEA: lavori in corso senza contratto (guarda le foto)

16 Marzo 2020 – Rollo scrive a Emiliano e conferma: lavori senza contratto

16 Marzo 2020 – M5S: il DG dell’Asl di Lecce Rodolfo Rollo faccia chiarezza

16 Marzo 2020 – Fratelli d’Italia: Emiliano faccia chiarezza sul DEA di Lecce

16 Marzo 2020 – TDM di Casarano: sul DEA di Lecce, carenze e fatti gravissimi

16 Marzo 2020 – Affaire DEA: anche Donato De Giorgi si appella a Emiliano

17 Marzo 2020 – DEA ossigeno, due serbatoi, lavori abusivi e nessun contratto

18 Marzo 2020 – FOTO, DEA ossigeno: proseguono i lavori senza autorizzazione

18 Marzo 2020 – Affaire DEA Lecce: la replica di Air Liquid

18 Marzo 2020 – Codacons Lecce: sulla vicenda del DEA, esposto in Procura

19 Marzo 2020 – DEA Lecce: l’impianto dell’ossigeno appena collaudato

19 Marzo 2020 – DEA ossigeno: agevolare Air Liquide, il piano in una lettera

20 Marzo 2020 – DEA ossigeno: dubbi sulla certificazione antisismica

26 Marzo 2020 – DEA, anche l’aria “sintetica” non è autorizzata

8 Aprile 2020 – DEA, ospedale Covid19, ma senza flussometri per l’ossigeno

10 Aprile 2020 – DEA Lecce, ossigeno a rischio: cedono i lavori del tubo

14 Aprile 2020 – DEA ossigeno, la Asl corre (maldestramente) ai ripari

9 giugno 2020 – Dea Lecce, ossigeno: illegalità diffusa, continuano i lavori eseguiti senza contratto

12 giugno 2020 – DEA ossigeno, non c’è due senza tre

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!