Nardò in Sintesis

presentato il progetto

Si è tenuto ieri presso la Sala Consiliare del Comune di Nardò l’incontro conclusivo del progetto “S.INTE.S.I.S. – Sistema Integrato per la Sicurezza e l’Inclusione Sociale” finanziato dalla Misura 6.5 del POR Puglia 2000/2006

Si tratta di un progetto pilota, articolato in una serie di incontri a carattere seminariale svoltisi negli ultimi mesi, che si propone quale l’obiettivo di rafforzare le reti e il partenariato degli attori sociali coinvolti nei processi di coesione, sicurezza e legalità, al fine di aggregare competenze diverse, armonizzandole verso obiettivi comuni e valorizzando la specificità di ogni soggetto coinvolto. Obiettivi certamente ambiziosi, che fanno del progetto SINTESIS – promosso dal PIT 8 di Lecce – un’idea originale, che traccia la rotta di nuove sinergie istituzionali, mettendo intorno a un tavolo per la prima volta un campionario variegato di soggetti tradizionalmente distanti da forme di dialogo e collaborazione reciproca. Hanno partecipato agli incontri: le Forze dell’Ordine (coinvolte attivamente per la prima volta in un progetto d’inclusione sociale), le organizzazioni sindacali, i referenti della Procura presso il Tribunale ordinario e presso il Tribunale per i Minorenni, la Questura, le Polizie Municipali, L’USSM, gli operatori dei servizi sociali del territorio, oltre ovviamente ai rappresentanti dei Comuni dell’Ambito di Zona (Nardò capofila, Copertino, Leverano, Porto Cesareo, Seclì). “Siamo molto soddisfatti degli obiettivi raggiunti – afferma l’Assessore Carlo Falangone – e siamo certi che i risultati di questo progetto costituiranno un supporto prezioso per gli interventi del nuovo ciclo di programmazione del Piano Sociale di Zona. Mi fa particolarmente piacere sottolineare che nell’Ambito di Nardò il livello di partecipazione agli incontri in questi mesi è stato sempre elevato, grazie alla condivisione della necessità di intervenire sui temi sociali in modo concreto, unendo forze ed esperienze, risorse umane e progettuali, per proporre e realizzare strategie condivise in tema di sicurezza e inclusione sociale nel nostro territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!