Turismo Mediterraneo, alla scoperta delle Sporadi

L’arcipelago delle Sporadi è un gruppo di ben 24 isole appartenenti alla Grecia, distribuite nel mar Egeo. Vista l’ampiezza dell’area dove sono collocate, vengono comunemente suddivise in Sporadi settentrionali e Sporadi meridionali.

Di tutte queste isole, solamente 4 sono abitate e dotate di servizi, e sono Skopelos, Skiathos, Alonissos e Skyros, mentre le altre sono disabitate e rustiche, ricoperte da vegetazione e circondate da spiagge sabbiose. Sono tutte a modo loro un paradiso, per certi versi ancora selvaggio, caratterizzato da acque cristalline, invitanti spiagge bianche e ambienti incontaminati, dove la cementificazione e le strutture ricettive di massa non sono riuscite a rovinarne l’essenza.

Per raggiungerle il modo più veloce è l’aereo. L’unica l’isola servita da un aeroporto è Skiatos, che è la più conosciuta ed è di certo anche la più turistica. Nel centro della sua città principale sono fioriti negli anni molti bar, negozietti e ristoranti, e la sera c’è una grande offerta di locali di intrattenimento. Camminando tra le sue viuzze o sul lungomare non è difficile incontrare star e personaggi importanti.

Le altre isole sono raggiungibili esclusivamente via mare, grazie ad un servizio di traghetti che durante la stagione turistica le collega quasi quotidianamente.

Viene da chiedersi perché doversi limitare a visitare solo un’isola, quando c’è la possibilità di fare tour in Grecia tra le Isole Sporadi che permette di navigare alla scoperta delle più suggestive tra tutte queste perle dell’Egeo, accompagnati da una guida esperta che ne racconta la storia e ne sottolinea le peculiarità. Grazie ad un’organizzazione esperta si possono sfruttare tutti i giorni a disposizione nel modo migliore, senza perdere i posti migliori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!