Paolo Perrone ci diffida all’immediata rimozione dell’articolo

Spettabile Redazione Testata giornalistica “ Il Tacco d’Italia”
in persona del direttore responsabile
Maria Luisa Mastrogiovanni

Oggetto: DIFFIDA ALLA RIMOZIONE DELL’ARTICOLO DAL TITOLO “Campagna elettorale in mano alla Scu: tutti i nomi dei politici” PUBBLICATO SUL LINK: https://www.iltaccoditalia.info/2020/03/03/campagna-elettorale-in-mano-alla-scu-tutti-i-nomi-dei-politici

Io sottoscritto Paolo Perrone premesso che:

  • che nella testata online de Il Tacco d’Italia è presente l’articolo articolo a firma di Stefania De Cristofaro collegato al link https://www.iltaccoditalia.info/2020/03/03/campagna-elettorale-in-mano-alla-scu-tutti-i-nomi-dei-politici;
  • che dalla lettura del presente articolo si evince l’improprio e inesistente accostamento della figura del sottoscritto a esponenti malavitosi appartenenti alla SCU;
  • che, in particolare, l’autrice dell’articolo interpreta e riporta in maniera completamente erronea l’espressione – contenuta nelle intercettazioni – “portare”, riferendola ai candidati (nel significato di “sostegno elettorale”) invece che ai manifesti elettorali (nel significato letterale di “trasportare”);
  • che tali circostanze, oltre che essere false, ledono gravemente il buon nome e la reputazione del sottoscritto;
  • che i danni già arrecati sono tutt’ora in corso di aggravamento stante la persistenza del predetto articolo sul portale web;

Tutto ciò premesso, il sottoscritto, riservando l’esercizio di ogni segnalazione ed azione, anche risarcitoria, DIFFIDA la redazione de Il Tacco d’Italia, nella persona del direttore responsabile,

  • a provvedere, entro il termine di cinque ore decorrenti dalla ricezione del presente messaggio, alla rimozione dell’articolo;
  • ad astenersi dal citare il nome del sottoscritto in articoli e/o post di qualsivoglia natura relativi a vicende giudiziarie riguardanti la criminalità.

Distinti saluti

Lecce, 4 marzo 2020
Paolo Perrone

 

Egregio Paolo Perrone,

l’articolo di cui si duole riferisce in maniera puntuale e senza commenti personali lo stato delle indagini dell’operazione “Final blow”, in cui risultano 110 indagati.

Abbiamo precisato che lei non è tra quelli.

Nei limiti di  verità, continenza e pertinenza, e nell’interesse della opinione pubblica (dato che lei è un politico), abbiamo ritenuto di riferire quello che la pm Valaori e la gip Panzera hanno inserito nell’ordinanza di custodia cautelare: ossia la notizia della gestione da parte di due clan, della pubblicità elettorale delle politiche 2018, per conto di alcuni candidati.

Niente di “falso” dunque: la fonte è citata (l’ordinanza di custodia cautelare) ed è pubblica.

Non può richiederci di rimuovere un articolo: lo vieta l’art.21 della Costituzione.

Riguardo alla pittoresca diffida ad: “Astenersi dal citare il nome del sottoscritto in articoli e/o post di qualsivoglia natura relativi a vicende giudiziarie riguardanti la criminalità organizzata”, rassicuro i lettori e lei sul fatto che continueremo a riportare il suo nome tutte le volte che le circostanze e le fonti verificate (e un’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia lo è) le chiederanno di dar conto ai cittadini.

(MLM)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

I contributi dei nostri lettori. Scrivete a [email protected]

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!