Giornalisti e puttane

di Thomas Pistoia

Lecce, zona stazione.
Comincio un giro esplorativo. Il parcheggio, i viali alberati, le vie circostanti.
Le offerte sono tante, devo scegliere con cura e discrezione. Alcune sono vecchie, male in arnese, sfatte dalle malattie e dall’abuso di droga e alcool.
Altre sono bellissime, magari povere, spesso vestite male, ma perfette. E soprattutto libere.
Io voglio spendere bene i miei soldi, quindi cerco quest’ultime.
La sera è fredda, un po’ nebbiosa, ha fatto buio presto. I lampioni in fila emanano luce fioca rossastra, sono come lumini votivi sulla lapide di queste strade. Loro, le puttane, aspettano vicino al palo, oppure passeggiano sui marciapiedi, come fuochi fatui d’asfalto.
Quella no, si vede a occhio che non sta in piedi. Cammina male sui tacchi, fatica a stare in equilibrio, non c’è dubbio che abbia un padrone, un protettore. Qualcuno che le dice cosa e come fare.
Quell’altra nemmeno. Sta curva, masticando chewing-gum e fumando sigarette. Si vede che non ha spina dorsale. E’ una di quelle che te la danno in qualsiasi posizione, ma male, oppure in modo incompleto, con prudenza ovvero paura.
E guarda quella. Lingerie e guepiere, ostenta carni cellulitiche, bucce d’arancia e vene varicose. Si è acconciata per farti credere che te la dà, ma in realtà finge. E’ solo fake.
Eccola, lei è quella giusta. Guarda che splendore. Capelli lunghi bruni e lisci fino alle spalle, occhi scuri e labbra rosse. Guarda, guarda il seno florido e dritto. E le gambe, lunghe e tese. E che culo splendido… Sembra che parli.
Ma non è solo questo, non è soltanto bellezza e richiamo erotico. Guarda il portamento e gli abiti semplici, ma, indossati da lei, così meravigliosamente eleganti.
Sì, scelgo questa. E’ paradossalmente sola. Vicino a lei, non c’è nessuno fermo a contrattare. Quelle altre hanno la fila, qui invece, accanto a questa creatura divina, c’è il deserto.
Accosto e abbasso il finestrino.
– Ciao, amore – mi dice, sorridendo.
– Ciao – rispondo – Quanto?
– Niente, è gratis.
– Vuoi dire che mi dai…

– Ti do le date, i luoghi, i nomi di chi c’era, le circostanze, i documenti audio, video e cartacei. Ti do i mandanti e gli assassini, quelli che uccidono sparando e quelli che lo fanno inquinando. Ti do i giochi di potere, gli intrallazzi, i compromessi, i favori e gli interessi. Ti do ogni mafia. E lo faccio senza paura, senza guardare in faccia a nessuno, a mio rischio e pericolo, perdendo il lavoro o la vita, sacrificando i miei affetti e la famiglia, che sia politica, finanza o bassa manovalanza, che sia lo stato, che siano i suoi rappresentanti. Una cosa sola chiedo in cambio…

Perduto in uno stato d’erezione insostenibile, già pregustando il piacere fisico di quanto mi promette, eccitato al punto da rischiare d’essere precoce, chiedo, ormai sbavando.
– Dimmi… Dimmi cosa… Qualsiasi… Qualsiasi cosa.
Lei mi guarda con quei suoi occhi profondi e tristi, mentre io sento già le sue labbra addosso.
– Voglio il tuo rispetto. Non devi ringraziarmi, non devi farlo mai. Ma voglio il tuo rispetto.
Ecco perchè non ci sono auto ferme qui. Non tutti i clienti son capaci di reggere un tale amplesso.
Ma io sì, anche se sono Italiano. E siamo in tanti, Italiani, a saperlo fare. Solo che, a volte, non ci accorgiamo, non le cerchiamo, non le vediamo, queste lucciole di sereno, ferme al palo che fa incrocio tra via della Verità e via della Giustizia. Un luogo scomodo, ma pulito.
Le apro lo sportello e reclino il sedile.
Così disteso, posso scorgere, da un angolo di parabrezza, in un buco di nuvole nere, una manciata di stelle.
Lei ha cominciato.
La lascio fare.
Con gli occhi aperti, aspetto l’orgasmo.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Thomas Pistoia

Nato a Torino nel 1971, ha vissuto la sua giovinezza in quel di Presicce. Scrittore, sceneggiatore e poeta, ha pubblicato racconti, poesie e canzoni. Per Ofelia Editrice ha pubblicato il romanzo "La leggenda del Burqa". Per la Sergio Bonelli Editore ha scritto storie per Nathan Never e Zagor

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!