Raccolte fondi ai tempi del web: in partenza un ciclo di seminari

Oggi alle 15.30 il primo appuntamento targato Uniba per esplorare tutte le potenzialità di uno strumento rivoluzionato dal digitale

 

C’era una volta la raccolta fondi.

Associazioni no profit chiedevano l’aiuto finanziario dei loro sostenitori per continuare a svolgere attività dalla forte connotazione etica.

Poi è nato il web, e con lui una serie di strumenti che hanno semplificato la divulgazione del progetto da finanziare, le procedure di raccolta del denaro, il contatto con i donatori. E hanno introdotto nuove motivazioni per spingere i cittadini a donare.

Così il fund raising, o raccolta fondi appunto, ha cambiato volto, arricchendosi di mezzi come il crowdfunding, il “finanziamento collettivo”; una forma di raccolta mirata al raggiungimento di un obiettivo a breve termine: la realizzazione di un servizio, o di un prodotto, innovativo e utile alla collettività.

Numerose startup sono nate grazie alla volontà dei donatori, per esempio, di dare credito, anche con una piccola somma, a idee creative e giovani.

Le frontiere del crowdfunding e degli altri strumenti di raccolta fondi sono oggetto di un ciclo di seminari organizzato dall’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, con ospiti docenti ed esperti in materia provenienti da tutta Italia.

Si parte questo pomeriggio alle 15.30, con un incontro sul tema “Fund raising: principi e pratiche vincenti per partire con il piede giusto”; dopo l’apertura di Elvira Tarsitano, Presidentessa Centro di eccellenza di Ateneo per la sostenibilità, interverranno Giovanna Bonora e Cristina Delicato.

 

Di seguito il calendario dei prossimi incontri:

  • Mercoledì 7 novembre: “Partnership con aziende e fornitori”, ospite Roger Berganzoli;
  • Venerdì 23 novembre: “Aspetti del fundraising, con focus sulla relazione col donatore”, ospite Alessandra Delli Poggi.

Presto verranno rese note anche le date dell’ultimo seminario, “StartUp, salita, discesa e salita, la maratona di successo”, a cura di Fabio Salvatore.

 

Gli eventi sono gratuiti, ma è richiesta la prenotazione.

Clicca qui per registrarti al primo seminario, “Fund raising: principi e pratiche vincenti per partire con il piede giusto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment