Tap, il Prefetto blocca le strade intorno al cantiere

Da oggi al 25 aprile accesso solo per i frontisti; la decisione presa per “rischi di turbativa dell’ordine”

 

È stata notificata alle 8,10 di questa mattina al Comune di Melendugno una nuova ordinanza firmata dal prefetto di Lecce, Claudio Palomba, con la quale viene interdetta la libra circolazione nelle strade che circondano il cantiere TAP, in località San Basilio.

Dalle 00.00 di oggi, e fino alle 24.00 di mercoledì 25 aprile, alle zone vicine ai lavori (strada San Niceta e alcuni tratti della Strada Provinciale 145) potranno accedere solo i proprietari dei terreni adiacenti.

La decisione, presa dopo una riunione tecnica con le forze di polizia, è motivata da “rilevanti e attuali rischi di turbativa dell’ordine e della sicurezza pubblica”, ovvero il rischio che il procedere dei lavori al cantiere del gasdotto sia ostacolato da chi si oppone alla sua realizzazione.

“Come evidenziato nell’ultima relazione tecnica della Questura di Lecce – si legge nell’ordinanza – permane l’esigenza di prevenire ulteriori gravi turbative dell’ordine pubblico connesse alle operazioni di cantiere da parte del cosiddetto movimento no TAP e di aderenti al mondo anarchico insurrezionalista ed alla galassia dell’antagonismo come già avvenuto nei mesi scorsi e più recentemente, nelle prime settimane di aprile”.

L’interdizione che arriva con l’ordinanza di oggi è la seconda, dopo quella che bloccò l’accesso dal 13 novembre 2017 al 12 dicembre 2017

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment