La luce che sorge ogni mattina

Breve introduzione all’opera “Il barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini, primo allestimento nel Cartellone della 46° Stagione Lirica Tradizionale del Teatro Politeama Greco di Lecce

di Fernando Greco

 

“Il barbiere di Siviglia” rappresenta il capolavoro assoluto di un compositore “più avvezzo alla commedia che alla tragedia”, come lo stesso Rossini amava definirsi, e conserva intatta la sua freschezza a quasi due secoli dalla sua creazione. Per dirla con Ildebrando Pizzetti, “… è come la luce che sorge ogni mattina, e che non è oggi quella di ieri, ma non è un’altra: ogni volta quest’opera ci riempie il cuore di letizia e di gioia”. Dal tessuto musicale all’evolversi delle situazioni, tutto nell’opera si incastona come in un perfetto meccanismo a orologeria che scandisce il ritmo di una comicità sempre incalzante, senza attimi di cedimento o di stagnazione.

Figaro in un bozzetto d’epoca

 

Una pièce rivoluzionaria

Ad appena ventitre anni, età in cui si accinge alla stesura del suo “Barbiere”, Gioachino Rossini (1792 – 1868) è già da qualche tempo un compositore di fama nazionale. Nel 1812 ha debuttato alla Scala di Milano con il dramma buffo “La pietra del paragone”, il cui clamoroso successo ha permesso al giovane compositore di essere esonerato dal servizio militare, mentre il 1813 ha segnato il trionfo del “Tancredi” al teatro La Fenice di Venezia. Dopo la strepitosa accoglienza dell’opera “Elisabetta regina d’Inghilterra” da parte dell’esigente pubblico napoletano (protagonista la divina Isabella Colbran), il Pesarese si trasferisce a Roma dove nel dicembre 1815 l’opera “Torvaldo e Dorliska” riscuote un tiepido successo. L’opportunità del riscatto sembra presentarsi quando il duca Francesco Sforza Cesarini, ovvero il più celebre impresario teatrale della Città Eterna, commissiona all’autore un’opera lirica per la nuova Stagione di Carnevale del teatro Argentina: nonostante manchino solo due mesi al debutto, Rossini accetta senza riserve e si tuffa nel lavoro con febbrile entusiasmo, scegliendo personalmente il soggetto della nuova partitura.

Giovanni Paisiello

Si tratta della celebre e rivoluzionaria pièce teatrale di Beaumarchais dal titolo “La Précaution Inutile ou Le Barbier de Séville” (antecedente dal punto di vista narrativo rispetto a “Le mariage de Figaro” da cui Mozart aveva tratto l’omonimo melodramma), già messa in musica almeno tre volte nella seconda metà del ‘700, periodo di massimo splendore dell’Opera Buffa di scuola napoletana, di cui il tarantino Giovanni Paisiello (1740 – 1816) (qui in un dipinto dell’epoca) rappresenta l’esponente di maggior spicco.

 

 

Il fiasco clamoroso

“Il Barbiere di Siviglia” composto da Paisiello nel 1782 alla corte dell’imperatrice Caterina II di Russia continuava a mietere entusiasti consensi in tutta Europa quando “Il Barbiere” rossiniano debuttò a Roma il 20 febbraio 1816. Né la partecipazione del più famoso basso buffo in circolazione, ovvero Luigi Zamboni nel ruolo di Figaro, né quella del tenore Manuel Garcia (padre del mitico soprano Maria Malibran), sivigliano doc, nel ruolo di Almaviva, furono sufficienti a evitare un clamoroso fiasco, innescato e rinfocolato durante lo svolgimento dell’opera, dall’ostilità dei numerosi sostenitori di Paisiello offesi dal fatto che un giovane come Rossini osasse confrontarsi con un mostro sacro di tale portata. Non servì a nulla nemmeno la modifica del titolo (qui la locandina dell’epoca), che da “Il Barbiere di Siviglia” era stato cambiato a bella posta in “Almaviva, o sia L’inutile precauzione”.

 

“Io mi ero disposta a tutto”

Geltrude Righetti Giorgi, la prima Rosina

Il mezzosoprano Geltrude Righetti – Giorgi (nell’illustrazione qui a fianco), protagonista della prima nel ruolo di Rosina nonché coetanea e fervida ammiratrice di Rossini, redasse una preziosa cronaca di quell’infelice serata: “ […] Il tenore Garcia, dopo aver accordata la chitarra sulla scena, locchè eccitò le risa degli indiscreti, cantò con poco spirito le sue cavatine, che vennero accolte con disprezzo. Io mi ero disposta a tutto. Salii trepidante la scala che dovevami portare sul balcone per dire queste due parole: “Segui, o caro, deh segui così!”. Avvezzi i romani a colmarmi di plauso, si aspettavano che io li meritassi con una cavatina piacevole e amorosa. Quando intesero quelle poche parole, proruppero in fischi e schiamazzi. Dopo, accadde ciò che doveva necessariamente accadere: la cavatina di Figaro sebbene cantata maestrevolmente da Zamboni, e il bellissimo duetto fra Figaro e Almaviva, cantato pure da Zamboni e da Garcia, non furono neppure ascoltati. Finalmente io comparvi sulla scena, non più alla finestra, ripresi coraggio e come io cantassi la cavatina della “Vipera” lo dicano i romani stessi e lo dirà Rossini. Essi mi onorarono con tre consecutivi plausi generali, e Rossini alzossi pure una volta per ringraziarli. Egli che stimava moltissimo la mia voce, a me si volse dal cembalo e mi disse scherzando: “Ah natura!”. “Ringraziala – gli risposi io

Gioacchino Rossini in un ritratto giovanile

sorridendo – che senza il suo favore, a questo punto tu non ti levavi dal seggio!”. Si credette allora risorta l’opera; ma non fu così. Si cantò fra me e Zamboni il bel duetto di Rosina e di Figaro, e l’invidia fatta più rabbiosa sviluppò tutte le sue arti. Fischiate da ogni parte. […] Non si possono descrivere le contumelie cui andò soggetto Rossini, che se ne stava impavido al suo cembalo e pareva dicesse: “Perdona, o Apollo, a questi signori che non sanno ciò che facciano”. Eseguito l’atto primo, Rossini avvisò di far plauso con le mani, non alla sua opera, come fu creduto comunemente, ma agli attori, che, a vero dire, avevano procurato di fare il loro dovere. Molti se ne offesero. Ciò basti a dare un’idea del successo dell’atto secondo. Rossini si partì dal teatro come se vi fosse stato qualche spettatore indifferente. Piena l’anima di questa vicenda, mi portai alla sua casa per confortarlo: ma egli non aveva bisogno delle mie consolazioni, dormivasi tranquillamente […]”.

Già durante le successive repliche del “Barbiere”, i romani avrebbero compreso e apprezzato le grandi innovazioni stilistiche apportate da Gioacchino Rossini (a destra, in un ritratto giovanile)alle convenzioni dell’Opera Buffa, quella geniale ventata di freschezza che il pubblico di tutto il mondo avrebbe amato viepiù lungo il corso dei secoli successivi decretando l’indiscusso predominio del capolavoro rossiniano rispetto al pur illustre precedente paisielliano.

 

Il moderno self-made man

In accordo con Alberto Zedda, massimo esperto di filologia rossiniana, si può affermare che il personaggio di Figaro recuperi dalla penna di Rossini l’originario piglio illuminista e rivoluzionario del testo di Beaumarchais (1775): l’intraprendente barbiere rappresenta di fatto il

Pierre Augustin Caron de Beaumarchais

moderno self-made man, il borghese che “trova occasioni per maturare e realizzare progetti ambiziosi” grazie alla sua intelligenza e alla sua cultura. Cultura sì, perché Pierre Augustin Caron de Beaumarchais (ritratto a destra) ci fa sapere che Figaro ha sfortunati trascorsi di letterato e commediografo (si comprende così, nel primo recitativo tra Almaviva e Figaro, la battuta di quest’ultimo: “La miseria, signore!”). Sempre secondo Zedda “L’intraprendente giovanotto scorda presto la frustrazione e si afferma protagonista: mediatore di sponsali, consolatore di fanciulle e vedovelle, barbiere, parrucchier, chirurgo, botanico, spezial, veterinario … Nella celebre cavatina di sortita (un uragano di facelle ritmiche e vocali che deve aver sconvolto lo spettatore della prima abituato alla grazia sentimentale di Paisiello), Figaro esalta l’ingegnosità e lo spirito d’iniziativa che l’hanno elevato a una posizione sociale sconosciuta alla sua classe”, posizione che gli permette di essere rispettoso, ma mai servile nei confronti dei nobili. Il contrasto tra vecchio e nuovo si appalesa nel confronto con il personaggio di Don Basilio, ovvero lo stereotipo dell’intrigante di vecchio stile, quasi una maschera della Commedia dell’Arte, a cui Rossini riserva la celeberrima aria della Calunnia destinandogli non a caso la “vetusta” corda del basso buffo, mentre per Figaro crea la “nuovissima” corda del baritono brillante, timbro che da ora in poi caratterizzerà la nuova drammaturgia musicale. Il nucleo squisitamente comico della vicenda risiede nel personaggio del Dottor Bartolo, vecchio pedante, “avaro e brontolone” davanti al quale tutti fanno buon viso e cattivo gioco, compresi i suoi servi, e in fondo questo è il motivo per cui tutti provano per lui anche un senso di tenerezza, se non addirittura un frustrato sentimento amoroso, come lascia intendere la cameriera Berta nella deliziosa aria di sorbetto “Il vecchiotto cerca moglie”. Alla fine, egli sarà costretto a cedere il passo ai giovani soggiacendo di buon grado all’evidenza di essere stato gabbato (“Insomma io ho tutti i torti!”). Mutatis mutandis, si tratta della stessa morale che Donizetti, aggiungendovi un sentimento di nostalgia tutto romantico, avrebbe espresso trent’anni dopo nel “Don Pasquale”.

 

Il pragmatismo di Rosina

Con il personaggio di Rosina prosegue la scia di quelle donne al contempo tenere e volitive, succubi ma dal carattere forte e determinato, protagoniste del genere giocoso fin dai suoi esordi, a partire da Serpina, ne “La Serva Padrona” di Pergolesi (1733), per giungere a Susanna ne “Le nozze di Figaro” di Mozart (1786); eppure, anche nei riguardi di Rosina il Pesarese crea un personaggio più moderno. Ci soccorre ancora una volta l’illuminante pensiero di Alberto Zedda: “Rosina è lontana dalla manierata svenevolezza di tante innamorate dell’opera buffa e non sorprende che la sincerità di sentimenti e atteggiamenti lontani dal conformismo convincano il Conte Almaviva a trasformare l’ennesima avventura in un vero incontro d’amore”. In altre parole, la furba ragazza esibisce un pragmatismo del tutto nuovo rispetto alle sdolcinatezze delle sue antenate: davanti all’anonima serenata ella mette subito le mani avanti, chiedendo per prima cosa al corteggiatore di riferirle le sue generalità e le sue intenzioni. Per questo motivo, caso unico nella storia dell’opera, il tenore inizia cantando ben due romanze consecutivamente (la galante serenata “Ecco ridente in cielo” e la più personalizzata “Se il mio nome saper voi bramate”) e finirà, lui Grande di Spagna, con lo sposare una borghese, altro fatto decisamente rivoluzionario per i costumi dell’epoca. Né va dimenticato che in origine Almaviva è il title-role dell’opera, e perciò Rossini scrive per questo personaggio un magnifico rondò finale, “Cessa di più resistere”, massimamente virtuosistico e mai scomparso dalla partitura seppur evitato spesso e volentieri. Nell’ultimo ventennio una prassi esecutiva più rigorosa ha favorito la ricomparsa di questa pagina che l’autore, in occasione della successiva “Cenerentola” (1817), trascrisse per la corda contraltile della stessa Geltrude Righetti – Giorgi che era stata la Rosina del debutto.

 

Al calar del sipario

Il lieto fine dell’opera viene ottenuto facendo ricorso alla scena dell’agnizione o della “sbottonatura”, secondo l’antico gergo teatrale: creduto un impostore, Almaviva si toglie il mantello per rivelare a Rosina la sua vera identità che è quella di un nobile, un Grande di Spagna. Ancora una volta l’autore si serve di cristallizzate convenzioni per farle implodere attraverso profondi cambiamenti di stile che di fatto determinano la fine della grande stagione dell’Opera Buffa, una fine che però Rossini sceglie di celebrare con i fuochi d’artificio. Figaro, spegnendo la lanterna al termine del “Barbiere”, di fatto la spegne sugli ultimi bagliori di un Settecento ormai definitivamente concluso. Per dirla con Bruno Cagli, presidente dell’Accademia di Santa Cecilia, “Alla fine dell’intrigo, Figaro se la caverà con un generico auspicio: – Di sì felice innesto serbiam memoria eterna! – Ma subito aggiungerà: – Io smorzo la lanterna, qui più non ho che far! –. Cosicché, a rigor di logica scenica e teatrale, gli altri dovrebbero restare al buio per cantare il loro – Amore e fede eterna – . E non è una logica che poteva essere casuale sotto la penna di un attardato e deluso figlio dell’Illuminismo come in cuor suo era il Pesarese. Il sipario in realtà calava non sull’eternità dell’amore e della fede, come suggerivano le augurali parole, ma su tutto un mondo di cui l’opera buffa era stata interprete e che non avrebbe mai più potuto trovare quella felicità e quella concordia che per l’ultima volta, pur con la piena consapevolezza delle ombre che si addensavano, il capolavoro di Rossini aveva inverato”.

Maria Callas e Tito Gobbi, Rosina e Figaro alla Scala nel 1956

 

La trama

Atto primo

Parte Prima – Sta per albeggiare in una piazza di Siviglia. Un uomo canta una serenata amorosa sotto un balcone, accompagnato da una raffazzonata banda di suonatori, ma la porta del balcone rimane inesorabilmente chiusa. I suonatori vengono pagati e licenziati. Da lontano si ode la voce di Figaro che si accinge ad aprire la sua bottega di barbiere. I due uomini si riconoscono e si salutano: l’uomo della serenata è il Conte Almaviva, che confida a Figaro di essersi innamorato di una fanciulla intravista al Prado in compagnia del vecchio padre. Da quando l’ha vista, Almaviva ha perso la pace e va cercando invano il modo per avvicinarla e parlarle. Figaro gli fornisce delle preziose informazioni. La ragazza non è figlia del vecchio, ma solo la sua pupilla; peraltro in quella casa Figaro ha libero accesso in qualità di “… barbiere, parrucchier, chirurgo, botanico, spezial, veterinario”. Frattanto, da un biglietto che la giovane ha lasciato cadere

Maria Callas con Nicola Rossi Lemeni e Tito Gobbi alla Scala nel 1955

furtivamente per strada, il Conte apprende con gioia che ella, di nome Rosina, è interessata alle sue premure e gli chiede di rivelarle nome e intenzioni. Il vecchio tutore esce di casa, raccomandando ai servi di non aprire a chicchessia. Figaro spiega al Conte che costui, un vecchio medico “avaro e brontolone” di nome Bartolo, vuole sposare Rosina per carpirne la dote. Il Conte canta una nuova serenata, in cui si presenta a Rosina come un giovane e squattrinato studente di nome Lindoro, quindi chiede a Figaro di aiutarlo nell’impresa di entrare in casa del dottor Bartolo e conquistare finalmente il cuore della ragazza. Alla promessa di una lauta ricompensa, il furbo barbiere inizia a elargire consigli. Poiché in giornata si prevede l’arrivo in città di un reggimento di soldati, il Conte dovrà presentarsi in casa di Bartolo travestito da soldato, esibendo un falso permesso d’alloggio. Per giunta dovrà fingere di essere ubriaco, in modo da non destare sospetti.

Parte Seconda – In casa del dottor Bartolo, Rosina si propone di eludere come meglio potrà le angherie del vecchio tutore per poter finalmente raggiungere il suo spasimante. Per lui ella ha già pronto un nuovo biglietto, che spera di fargli recapitare con l’aiuto di Figaro. Bartolo, tornato a casa, riceve la visita di Don Basilio, intrigante azzeccagarbugli nonché insegnante di musica di Rosina, il quale gli fa sapere che in città è giunto il Conte Almaviva, incognito amante della fanciulla. Don Basilio propone a Bartolo di diffondere ad arte una calunnia contro il Conte al fine di screditarlo e farlo allontanare da Siviglia, ma Bartolo preferisce invece affrettare le sue nozze con Rosina; i due si trasferiscono nello studio del medico a stendere il contratto nuziale. Il loro dialogo è stato udito da Figaro, che pertanto si affretta a riferirlo a Rosina, proponendole di scrivere un nuovo biglietto per Lindoro quale segno di affetto corrisposto. Dopo alcune reticenze, la ragazza sorprende il barbiere consegnandogli un biglietto già bell’e pronto. Uscito il barbiere, il dottor Bartolo fa una ramanzina a Rosina poiché ha notato una macchia di inchiostro sul dito della ragazza e la mancanza di un foglio di carta. A nulla servono le scuse: in preda alla collera, il vecchio fa sapere a Rosina che la rinchiuderà in camera ogni qualvolta egli dovrà uscir di casa. Giunge il Conte Almaviva, travestito da soldato in preda ai fumi dell’alcool, e pretende di alloggiare in casa del medico. Furtivamente egli si fa riconoscere da Rosina e le lancia un biglietto, che però viene intercettato da Bartolo; per fortuna la giovane fa in tempo a sostituirlo con la lista del bucato. La discussione tra il falso soldato e il dottor Bartolo si accende sempre di più e gli schiamazzi attirano le forze dell’ordine: giungono alcuni gendarmi con un Ufficiale che, udite le rimostranze di Bartolo, si accinge ad arrestare il Conte. Questi però esibisce in segreto all’Ufficiale la sua vera identità: ne consegue che i poliziotti si congedano dopo un rispettoso inchino, mentre Bartolo resta a bocca aperta per lo stupore.

 

Atto secondo

Bartolo riflette sul fatto appena successo, chiedendosi se per caso quello strano soldato non sia stato inviato del Conte Almaviva per contattare Rosina. Arriva in casa un altro strano figuro che si presenta come Don Alonso, allievo di Don Basilio, giunto per dar lezione di musica alla ragazza in sostituzione dello stesso Basilio che è malato. In realtà si tratta di un nuovo travestimento di Almaviva. Dinanzi alla perplessità del vecchio, che vorrebbe di persona accertarsi della malattia dell’amico, il presunto Don Alonso gli mostra il biglietto di Rosina spiegandogli di essersi imbattuto nel Conte e di essersi per caso trovato tra le mani un biglietto scritto da Rosina per Almaviva stesso. Pertanto egli vorrebbe mostrarlo alla ragazza, dicendole di averlo ricevuto da un’amante del Conte, prova del fatto che Almaviva si farebbe gioco di lei. Don Bartolo sembra gradire tal progetto e prontamente fa chiamare Rosina per la lezione di musica. Giunge Figaro per far la barba a Don Bartolo. Il vecchio gli affida un mazzo di chiavi affinché egli vada ad aprire un armadio e prendere l’occorrente per la rasatura. L’occasione è propizia: Figaro potrà sottrarre dal mazzo la chiave che apre la finestra che dà sulla piazza. Don Basilio arriva all’improvviso: ciò potrebbe rovinare i piani del Conte, perciò questi gli dona furtivamente molto denaro e, con la complicità di Figaro, lo esorta a tornare a casa per curare una “febbre scarlattina”.

Secondo atto, la sena della lezione

Durante la finta lezione di musica (qui un bozzetto dell’epoca), Figaro inizia a radere Don Bartolo mentre i due innamorati si scambiano sguardi amorosi e si accordano per la fuga. Frammenti del loro discorso però non sfuggono al vecchio tutore, che all’udire la frase “il mio travestimento” comprende l’inganno e, su tutte le furie, scaccia Alonso da casa. Il vecchio manda a chiamare Don Basilio, che gli rivela di non aver mai conosciuto Don Alonso, anzi sospetta che colui possa essere addirittura il Conte in persona, riflettendo tra sé e sé sulla quantità di soldi avuti. Bartolo invia Basilio dal notaio per sollecitare le sue nozze con Rosina quindi, rimasto solo con lei, le mostra il biglietto avuto da Don Alonso, quale prova del fatto che colui congiura contro di lei, con la complicità di Figaro, per condurla tra le braccia del Conte Almaviva. Rosina, delusa e amareggiata, accetta di sposarsi con Bartolo, rivelandogli il progetto di fuga che i tre avevano architettato. Bartolo corre a chiamare i gendarmi per cogliere i colpevoli in flagrante, mentre fuori scoppia un temporale. Figaro e il Conte, entrati in casa attraverso la finestra, vengono accolti in malo modo da Rosina, che rimprovera il suo Lindoro di aver finto amore soltanto per sacrificarla al Conte Almaviva. Al Conte non resta che rivelare all’amata la sua vera identità: egli stesso è il Conte Almaviva, giunto da lei per giurarle fede eterna. Al colmo della gioia, Rosina si accinge a fuggire con l’amato e con Figaro attraverso la finestra, ma, ahimè, i tre scoprono che qualcuno è giunto dall’esterno e ha rimosso la scala dal muro. Difatti, entra in casa Basilio in compagnia del notaio, pensando entrambi che si debbano celebrare le nozze tra Bartolo e Rosina, invece il Conte intima a Basilio di far da testimone per le nozze tra lui e Rosina, donandogli un prezioso anello e minacciandolo di morte in caso di rifiuto. Giunge trafelato Don Bartolo insieme con dei gendarmi, ma si trova davanti alle nozze già compiute, fatto che egli stesso ha agevolato rimuovendo la scala dal balcone (“l’inutil precauzione”!). Il Conte si rivela ai presenti in tutto il suo potere e impone al vecchio di accettare l’accaduto, promettendo comunque di cedergli la dote di Rosina. L’opera si conclude nel generale giubilo e tutti augurano agli sposi “Amore e fede eterna”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Fernando Greco

Pediatra di professione, si è laureato con lode in Medicina e Chirurgia e si è specializzato con lode in Pediatria e Neonatologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Roma. Dal 2000 lavora in qualità di Dirigente Medico nell’Unità Materno-Infantile dell’ospedale “Cardinale G. Panico” di Tricase. Fin dalla più tenera età si diletta nel coltivare un’innata passione musicale. Negli anni Novanta ha fatto parte del coro “Nostra Signora di Guadalupe” di Roma diretto dal contralto Stella Salvati, sia in veste di corista sia di solista. Dal 2001 studia pianoforte con la prof.ssa Irene Scardia. In qualità di basso-baritono, cura il repertorio vocale con il maestro Michele D’Elia. Collabora con il magazine online “Il Tacco d’Italia” ed è accreditato come critico musicale per la Stagione Sinfonica della OLES, la compagnia “Balletto del Sud”, la Fondazione Petruzzelli di Bari, il Festival della Valle d’Itria di Martina Franca. Viene spesso invitato a far parte di giurie e commissioni di concorsi e manifestazioni musicali.

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!