Il fantalecce del passato

Tanti ex leccesi ancora in serie A

Sognare di ciò che è stato recentemente forse può rendere meno amaro il presente calcistico

Visti i recenti trascorsi calcistici del Lecce, non ci resta che affidarci alla nostalgia. A distanza di tre stagioni dall’ultima apparizione in serie A dei giallorossi, sono diversi i calciatori che in passato hanno vestito la maglia del Lecce e che militano ancora nel primo campionato italiano. Tanti da poterci costruire quasi una rosa completa. Tre portieri, otto difensori, scarseggiano un po’ centrocampisti e attaccanti, tre per ruolo. Con qualche innesto sarebbe ancora una formazione che garantirebbe una salvezza più che decorosa. Anzi, visto il valore di certe rose, siamo sicuri che un Lecce che potesse contare sui suoi ex, farebbe un figurone nell’attuale serie A. Divertiamoci a sognare su come metterli in campo, in attesa di poter presto tornare a vedere i giallorossi in qualche campionato nazionale che conta. Di ex allenatori salentini, ne sono rimasti pochi in serie A, ma di sicuro la tifoseria non avrebbe dubbi su chi far sedere sulla fantapanchina della Lecce: Zdenek Zeman. Ex leccesi che militano ancora nel campionato di serie A italiano (se qualcuno è sfuggito segnalatelo!). Portieri Giorgio Frezzolini (Ata) Francesco Benussi (Ver) Antonio Rosati (Nap) Difensori Guglielmo Stendardo (Ata) Dario Dainelli (Chi) Nenad Tomovic (Fio) Juan Cuadrado (Fio) Davide Brivio (Ver) Dusan Basta (Laz) Djamel Mesbah (Sam) Cesare Bovo (Tor) Centrocampisti Andrea Bertolacci (Gen) Cristian Ledesma (Laz) Giuseppe Vives (Tor) Attaccanti Guido Marilungo (Ces) Pablo Daniel Osvaldo (Int) Luis Muriel (Udi)us lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment