Espugnata la ‘fortezza’ della droga a Verrazze, Surbo

Vedette e telecamere avvertivano dell’arrivo degli ‘sbirri’

//IL BLITZ// Un pool di forze dell’ordine per espugnare il ‘supermarket’ della droga, la Scampia del Salento, tra Lecce e Surbo

Vedette e telecamere avvertivano gli spacciatori e i clienti dell’arrivo degli ‘sbirri’. E in una stradina era comodamente attivo il servizio “drug & drive”. E’ stato necessario un lungo periodo d’indagini, appostamenti e pedinamenti, come una goccia cinese sulla roccia. I Carabinieri della Tenenza di Copertino e quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Gallipoli, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Cinofili di Modugno, ed assieme a personale delle Compagnie di Campi Salentina e Lecce, hanno infine violato il tempio leccese della droga. Per un lungo periodo, dal 2012 ad oggi, riscontro dopo riscontro, sequestro dopo sequestro di sostanze stupefacenti, hanno cercato di intaccare il supermarket all'aperto che ogni sera accoglieva clienti da tutta la provincia e che era stato paragonato a Scampia, il quartiere delle vele napoletano dove gli spacciatori dettano legge e «vedette» e telecamere li allertano tempestivamente dell'arrivo degli «sbirri», permettendogli di sfuggire puntualmente ai controlli. Questa mattina infine i Carabinieri hanno inferto il colpo di grazia al traffico illegale. E’ finito in manette il 20enne Federico Vitale, appartenente all’omonima conosciuta famiglia di Surbo. Numerose, lunghe ed approfondite le perquisizioni che hanno interessato la masseria di proprietà della famiglia in contrada Verrazze – tra Lecce e Surbo, ormai considerata terra franca per lo spaccio. Auto incolonnate in attesa di ritirare le dosi. Vedette sempre all'erta e telecamere puntate 24h su 24 in tutte le direzioni. Oggetti contundenti e pietre da lanciare contro gli agenti o i militari dell'Arma che disturbavano l'attività. I primi controlli erano partiti mesi fa. Ma già nel 2012 c'erano stati i primi servizi di osservazione, controllo e pedinamento di soggetti tossicodipendenti provenienti dal territorio di competenza della Compagnia Carabinieri di Gallipoli, culminati con il blitz di dicembre presso un’altra masseria della medesima famiglia in contrada “Li Manzi”. Da allora si erano avuti importanti e sempre maggiori riscontri sull’attività posta in essere dalla famiglia Vitale. Tutto questo, però, non era stato sufficiente a stroncare il traffico di droga. Anche perché il sistema di video sorveglianza adottato dai malviventi era molto elaborato. I «clienti» si recavano presso l’abitazione, punto dove venivano ritirate le dosi. Gli scambi avvenivano in due punti: il retro del fienile o l’ingresso principale della casa, ma solo dopo il «controllo» delle telecamere da parte dei Vitale. In una stradina sterrata senza via d'uscita adiacente alla masseria avveniva poi il «drug & drive»: le auto venivano fatte incolonnare e controllate all'interno. Nel corso del blitz, scattato nella mattinata di oggi, e protrattosi fino al tardo pomeriggio, i Carabinieri hanno sequestrato, abilmente occultato, quasi un kilo di marjuana e 5565 euro in contante.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!