Quelli delle nozze

La musica di Rossini si sposa al potere restando felicemente infedele

Nozze reali nel Regno (per ora) Unito e nella Spagna già disunita, nozze milionarie in Puglia e attoriali (ma sempre principesche) a Venezia provvedono alla nostra dose minima stagionale di ancien régime. Ne ignoriamo la colonna sonora, ma da tempo le classi dominanti non sono più l’avanguardia estetica del pianeta. Nel 1825 il reazionario Carlo X volle Rossini. Per essere precisi quel re non si sposava, s’incoronava a Reims, riaccendendo le speranze dei sudditi scrofolosi venuti a farsi guarire con un tocco, cabaret stracco risalente alla remota notte dei re taumaturghi. Il musicista pesarese era un “rosso” costretto a vivere e musicare in tempi di “nero” (per usare la metafora cromatica di Stendhal, che tanto lo amava). Accettò la regal commissione ma, col librettista Balocchi, si baloccò a scrivere un’opera che mostrava, en abîme, nobili di mezza Europa in viaggio proprio per quella cerimonia, ingabbiati in una locanda sulla strada. Buñuel non avrebbe saputo fare di meglio. Qui i signori corteggiano e gorgheggiano, la padrona dello stabilimento balneare fa un piano marketing in decasillabi e il professor trombone stila un catalogo di preziosità antiquarie e accenti locali. Poi il re rientra a Parigi e vanno tutti in fibrillazione come un inviato speciale del tiggì.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!