Lotta al caporalato: sindacati compatti

Lecce. Grande soddisfazione di Salvatore Greco, segretario generale territoriale Fai Cisl di Lecce, per questa importante azione di legalità

È stato firmato un accordo per contrastare il lavoro nero e il caporalato in agricoltura in provincia di Lecce. Protagoniste le federazioni agricolo-alimentari (Fai – Cisl, Flai – Cgil, Uila – Uil e le controparti Unione provinciale agricoltori, la Federazione provinciale Coldiretti e Confederazione Italiana Agricoltori di Lecce) che hanno siglato questo importante accordo per contrastare il lavoro irregolare in agricoltura soprattutto per quelle imprese interessate all'impiego di manodopera di cittadini italiani e stranieri nelle fasi di raccolta delle produzioni ortofrutticole. Nello specifico si tratta di quelle aziende salentine che nel periodo che va dal primo giugno al 30 settembre si occupano della raccolta di angurie, meloni, pomodorini e pomodori da industria che operano nel nord-ovest della Provincia di Lecce (nei comuni di Veglie, Nardò, Copertino, Leverano e Galatina) che rappresentano una grossa fetta della produzione agricola. “Questo accordo – ha spiegato Salvatore Greco, segretario generale territoriale Fai Cisl di Lecce – è una importante azione di legalità. Si tratta infatti di un intervento che serve a rafforzare l'azione di contrasto al lavoro irregolare in agricoltura sia italiano che straniero e ad avviare una più approfondita e diretta conoscenza del fenomeno”. “La legalità oggi purtroppo non fa notizia – prosegue Greco – nel senso che secondo i dati ispettivi del 2013 non sono stati riscontrati fenomeni di caporalato. Questo accordo intende combattere il lavoro nero. Si tratta di un accordo rinnovato e migliorato in alcune parti. Due sono le maggiori novità: la prima riguarda la comunicazione che le aziende devono effettuare agli organi ispettivi del lavoro sui dati catastali dei fondi presso i quali sono impiegati i lavoratori. Tale comunicazione deve essere fatta con mezzi celeri come la mail ed il fax all'inizio dell'attività del lavoratore. La seconda novità riguarda, invece, il coinvolgimento dell'ente bilaterale per la maggiore comprensione del fenomeno. Infine un dato rilevante registrato durante questo accordo è la disponibilità delle aziende a regolarizzare i rapporti di lavoro mediante l’accordo”. Inoltre sono state stabilite le tariffe per il pagamento a cottimo della raccolta nel seguente modo: Anguria € 0,010 al Kg Melone € 0,012 al Kg Pomodoro da industria € 6,00 al bins Pomodorino € 10,00 al bins Infine l’accordo regolamenta anche il caso in cui l’azienda venda il prodotto sulla pianta. In questo caso la comunicazione obbligatoria dovrà contenere i dati dell’azienda che acquista per evitare spazi di lavoro irregolare non controllato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!