Falso volantino: la rabbia di TAP

Lecce. Secca smentita e minaccia di azioni legali da parte di Trans Adriatic Pipeline AG Italy dopo la distribuzione di falsi volantini col marchio TAP

Nelle ultime ore sono stati distribuiti e affissi a San Foca alcuni falsi volantini che, oltre a riportare l'intestazione e i loghi della Guardia costiera, della Repubblica italiana e della società TAP, indicano una falsa ordinanza e un messaggio provocatorio e privo, in maniera piuttosto evidente, di ogni fondamento. Si legge nel falso volantino: “DIVIETO DI CIRCOLAZIONE VEICOLARE E PEDONALE. Rischio di sfaldamento della coesione e del consenso sociale ai programmi padronali. Grave pericolosità per fenomeni di contestazione e ribellione ai progetti di devastazione del territorio”. E poi, proprio sul logo TAP la scritta: “voi ci fate fare il gasdotto, noi vi togliamo i divieti”. La reazione della TAP è veemente. In un comunicato annunciano “di aver già dato mandato ai propri legali per agire in ogni sede a tutela del nome dell'azienda”. Prosegue poi TAP, sottolineando come sia “sempre più isolato anche nel Salento, il fronte degli oppositori alla costruzione di questa grande infrastruttura destinata a diversificare e rendere più sicuri gli approvvigionamenti di gas all'Europa e a dare all'Italia un ruolo chiave nelle politiche energetiche europee, sempre più isolato anche nel Salento, sembra negli ultimi giorni adottare una strategia di artificioso innalzamento della tensione e intorbidimento delle acque, di cui anche questi volantini son testimonianza, al pari di recentissime uscite sui social network. TAP, fiduciosa nella qualità del proprio progetto e nella positiva conclusione dell'iter autorizzativo in Italia, proseguirà nel suo impegno a sostegno del territorio salentino”. Questa bravata, oltre ad essere poco spiritosa, rischia effettivamente di “intorbidire le acque” in un momento in cui invece la cittadinanza salentina si sta risvegliando da un certo torpore ed è fortemente intenzionata ad analizzare e comprendere a fondo i rischi e le opportunità dell'infrastruttura.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!