Estate: amore e odio

Fo, Martino, Righetti e il buco nell’ozono

Rosa fresca aulentissima, ch’appari inver’ la state… diceva una poesia medievale siciliana che abbiamo studiato a scuola. Ma qualcosa non quadrava, perché le rose in estate non sbocciano, si spampanano. L’inghippo ce lo spiegò da par suo il maestro Dario Fo. Qui, più modestamente, ci occupiamo dell’ambivalenza dei sentimenti di Bruno Martino per la calda stagione. Anche lui (o forse Bruno Brighetti, polistrumentista del suo quintetto, nonché autore del testo) confonde l’estate con la primavera. Dice che ha dato il suo profumo a ogni fiore e garantisce che un tempo il sole scaldava, mentre ora brucia. Buco nell’ozono o no, prendiamo atto che, all’inizio degli anni '60 italiani, aprile cessava di essere il mese più crudele. Il boom economico, il calendario scolastico, le ferie alla Fiat e in tutta l’industria pesante delle grandi città del Nord, le rotonde sul mare ecc… ecc… facevano sì che fosse agosto, parafrasando T. S. Eliot, il mese che risveglia radici sopite e mescola memorie e desiderio. Non a caso il caldo ricorda baci perduti, e forse quell’inverno nevoso, che presto ricoprirà tutto col suo manto bianco, porterà una noiosa ma rassicurante pace dei sensi. Almeno fino all’estate successiva.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!