Export in picchiata, bene i settori non tradizionali

//SPECIALE GIORNATA ECONOMIA,7// Sale l'export di prodotti non tradizionali: gomme, plastiche e pietre, attività artistiche e sportive, agroalimentare

7. Commercio estero Le dinamiche del commercio estero italiano nel corso dell’ultimo anno hanno mostrato ancora segnali di contrazione. Tendenza che si rispecchia anche nell’andamento regionale. L’export è crollato scendendo a 409 milioni 736mila euro: meno 8% in un anno, con una perdita secca di quasi 36 milioni di euro. Giù anche le importazioni del Salento, calate del 5,7% fino a toccare 246 milioni 364mila euro. Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo: 163 milioni 372 mila euro. Era stato positivo anche nel 2012, ma in un anno il saldo è calato dell’11,4%. Saldo che invece in Puglia è migliorato del 57,3%: Lecce è l’unica provincia pugliese ad aver registrato un peggioramento. Anche se ad onor del vero i dati del primo trimestre 2014, evidenziano una timida ripresa dell’export salentino che registra un +3,7%, bisognerà capire se il trend positivo si confermerà nei prossimi trimestri. Il principale settore di esportazione è quello dei macchinari e degli apparecchi (che copre il 38,5% delle esportazioni). Seguono: i prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori (19,6%); metalli di base e prodotti in metallo (9,3%); gomme, plastiche, minerali non metalliferi (9,1%); prodotti alimentari, bevande e tabacco (9,1%). In netto aumento l’export di:gomme, plastiche e minerali non metalliferi (+68,1%); metalli di base e prodotti in metallo (+32,7%); agroalimentare (+39,5%); attività artistiche, sportive e di intrattenimento (+38,6%). Cala altrettanto vistosamente l’apertura ai mercati internazionali di: legno e prodotti in legno (-33,3%); computer, apparecchi elettronici e ottici (-29,5%), prodotti delle altre attività manifatturiere (-19,1%); macchinari ed apparecchi (-19,2%). L’Europa rimane la prima area di interscambio (65,1%) ma subisce un calo nel giro di affari col Salento del 12,8%. Il tutto a vantaggio dell’Africa, che ora copre il (13,5%) grazie ad una crescita notevole pari al 67,3%. Calano le esportazioni verso il continente americano (11,4%). Per quanto riguarda i singoli Paesi i mercati più gettonati dalle imprese salentine restano nell’ordine Francia, Germania, Stati Uniti e Svizzera. Crescono nettamente gli scambi con Algeria (+200,1%), ora quinto mercato; si riducono di un terzo quelli con l’Albania (-34,6%), che segue al sesto posto. Il Salento importa soprattutto dall’Europa (per il 74,8% del totale); segue l’Asia (14,4%). L’Africa è però l’unico continente ad aver visto incrementato il valore degli scambi di ben 13,8 punti percentuali. I Paesi di riferimento per l’approvvigionamento rimangono Germania e Francia; a seguire Cina, Paesi Bassi e Spagna.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!