Operazione Maciste: chiuse le indagini preliminari

Avviso della conclusione delle indagini preliminari per 10 delle persone coinvolte nell'operazione che nel settembre scorso colpì numerosi presunti esponenti della Scu leccese

La Direzione distrettuale antimafia del capoluogo salentino ha chiuso le indagini su uno dei procedimenti stralcio della cosiddetta “Operazione Maciste”, che il 9 settembre del 2009 portò all’arresto, nell’ambito di una vasta operazione condotta dalla Squadra mobile e dai carabinieri del Ros di Lecce, di 38 presunti esponenti della frangia leccese della Sacra corona unita. Dieci complessivamente gli indagati di questa costola di una delle pietre miliari della lotta alla quarta mafia pugliese, con alcuni degli esponenti storici e dei capi indiscussi della Scu come Claudio Conte, Giovanni De Tommasi e Dario Toma. Tra i nomi eccellenti anche quello di Paolo Tomasi, difeso dall’avvocato Michele Palazzo, uno dei killer più efficaci e spietati del clan Toma-Cerfeda, e già condannato all’ergastolo con sentenza definitiva per diversi omicidi. Le indagini, avviate nel 2002, hanno permesso di ricostruire, grazie anche alle dichiarazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia, i moventi, gli autori e i mandanti di numerosi omicidi e tentati omicidi commessi durante la sanguinosa guerra di mafia che portò al violento scontro armato per il controllo del territorio. Una vera e propria guerra che vide contrapposti, dal 1987 al 2002, gli storici sodalizi della criminalità organizzata leccese: inizialmente De Tommasi e Tornese, e successivamente all’interno dello stesso clan De Tommasi. Altrettanto feroce la contrapposizione tra i gruppi “Toma-Cerfeda” e “Pellegrino-Presta-Vincenti”. Diversi gli episodi descritti nell’avviso della conclusione delle indagini preliminari: dall’omicidio di Luigi Scalinci a quello di Valerio Colazzo e Giuseppe Quarta.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!