Di chi è la Ecobio Maglie

// INCHIESTA// 2// Maglie. Un capitale sociale di 1.000 euro. Nata sei mesi fa. Ecco chi vuole costruire sull’ex Copersalento

(nella foto, una manifestazione contro un inceneritore a Parma) La Ecobio Maglie srl, la società che vuole costruire un nuovo impianto sulle aree non bonificate dell’ex copersalento, s’è costituita il giorno di S. Silvestro del 2013, cinque mesi fa. Il capitale sociale è di 1000 euro, interamente versato. Diviso in 6 quote: l’amministratore unico è Cosimo Sisto di Fasano e detiene il 33% (pari a 330 euro); anche Pietro Greco di Bari possiede il 33% (altri 330 euro). Le restanti quote sono divise tra Donato Curci di Noci (100 euro), Domenico Zaccaria, che è anche il progettista di Monopoli (la sua quota è di 90 euro), Angelo Liotino di Sammichele di Bari (90 euro) e Angela Ludovico di Gioia del colle (90 euro). Esistono altre società con lo stesso nome “Ecobio” a cui viene accostato il nome della città in cui si vogliono presentare progetti per la produzione di energia da fonti rinnovabili: la Ecobio Torre Santa Susanna e la Ecobio Putignano. La compagine è la stessa, con alcune varianti, e l’amministratore unico di tutte e legale rappresentante è sempre Cosimo Sisto. Il capitale sociale di tutte e tre le società e di 1000 euro. Anche la sede è la stessa della Ecobio Maglie: via Giacinto Antonelli 3, a Monopoli.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!