Ideeperlecce.it, idee per la cultura cercasi

Lecce. Una “palestra di democrazia partecipativa ai tempi del 3.0”. E’ il nuovo portale nato dalla collaborazione tra Lecce2019 e Dhitech

LECCE – E’ il frutto della stretta collaborazione tra lo staff di Lecce2019 e Dhitech ed è stata personalizzata con un restyling grafico e funzionale per tenere il passo “dalla teoria alla pratica” con i processi attivati da Lecce2019, anche sul web. E’ il nuovo portale web ideeperlecce.it, presentato presso Casa EUtopia-01, ospitata da iArchiettura a Lecce. Spazio di discussione e democrazia in atto, il nuovo sito ideeperlecce.it rappresenta un altro importante tassello che va ad aggiungersi agli altri strumenti di consultazione pubblica messi in atto da Lecce2019. Per Lecce2019 sono intervenuti il coordinatore artistico Airan Berg e Antonio Cordella, che ha presentato una demo del sito spiegando le modalità di utilizzo della piattaforma che al momento raccoglie 1955 idee progettuali. Su ideeperlecce.it sono infatti confluiti tutti i contenuti inviati dalla comunità salentina e i suggerimenti raccolti nel corso delle attività e degli incontri svolti da Lecce2019, dagli Open House alle card prodotte nel corso delle Zone della Curiosità scuola e spazi pubblici, dai LUAC ai QAC e agli innumerevoli cluster e meeting effettuati nel corso dell’ultimo anno. Dopo 13 mesi di lavoro, il sito è stato reso ancora più intuitivo grazie alla nuova veste grafica che permettere ai cittadini, gli operatori, le associazioni e gli esperti di partecipare attivamente e dare il proprio contributo per Reinventare Eutopia a portata di clic. Navigare su ideeperlecce.it è semplice. Effettuando il login è possibile creare un profilo personale per proporre la propria idea. Il restyling permette oggi all’utente anche di inserire più file di testo e immagini utili per documentare l’iter progettuale e la sua identità visiva. Per ogni idea è possibile dettagliare l’area territoriale e le utopie collegate. I cittadini possono dare il loro contributo commentando o votando i progetti inseriti nel portale: il traffico di commenti e voti sul portale per Lecce2019 diventerà anche indice dei desideri e bisogni prioritari dalla comunità. Al momento l’idea progettuale più votata tra le 1955 idee in archivio risponde al nome di “Lecce sotterranea” ma il numero potrebbe crescere già nella prossima settimana, superando anche il traguardo dei 2019 progetti in archivio. Un numero significativo. Per il Dhitech – Distretto Tecnologico High Tech è intervenuto il presidente Lorenzo Vasanelli. Per Lecce2019 il Dhitech ha fornito due tipi di contributi. Il primo riguarda l’uso della piattaforma web IMS – Idea Management System: la piattaforma è uno dei risultati sperimentali prodotti da un precedente progetto di ricerca; la seconda tipologia ha riguardato invece gli stagisti di [email protected] e protagonisti di PugliaSmartLab, che hanno affiancato lo staff di Lecce2019 nello svolgimento di molte delle Zone della Curiosità – versione LUAC (Laboratori Urbani Aperti Creativi) e QAC (Quartieri Aperti e Creativi) fin dalle loro fasi iniziali. Vasanelli ha sottolineato che ideeperlecce.it è stato un momento di formazione dello staff ma anche un’occasione per dar vita ad un progetto che mette in campo forme evolute di partecipazione democratica: “Lavorare al fianco di Lecce2019 per noi ha rappresentato un’importante palestra – ha commentato -. Per il Dhitech il termine smart city non rappresenta solo una tecnologia, ma attenzione all’inclusione sociale e al diritto di cittadinanza, valori che rappresentano le colonne del dossier di candidatura”. Era presente all’incontro anche la delegazione bulgara formata dai rappresentati di tre città finaliste che sta lavorando con lo staff di Lecce2019 per trovare intrecci e idee progettuali future su cui lavorare insieme. Tra gli ospiti stranieri, anche Oliver Kontny della Fondazione per il Futuro, che in Germania si interessa di sviluppo urbano, intercultura e istituzioni culturali. Per informazioni: www.ideeperlecce.it

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!