Preparatevi ad un autunno caldo caldo

Scusate l’assenza. Sono pronta a dirvi come va a finire

E’ tornato Centovetrine versione repliche. Il che significa solo una cosa: ci siamo quasi. Attendiamo gli intrecci settembrini e intanto facciamo mente locale su ciò che era successo prima delle ferie

Sì, lo so. Vi ho lasciati orfani di pettegolezzi da soap. La verità è che io stessa ne ho fatto a meno. Contro la mia volontà, naturalmente. Difficilmente rinuncio e certi piaceri. Però così è stato. Il mio corpo e la mia testa mi hanno chiesto tregua nelle giornate di solleone ed ho dovuto concedere loro il cosiddetto pisolino pomeridiano, la siesta per intenderci. Ma eccomi qui. Da uno zapping fortuito consumato nei giorni scorsi ho scoperto che è ritornato Centovetrine, versione repliche. Il che significa solo una cosa: ci siamo quasi. Lo fanno per rispolverare in te la memoria-curiosità del come va a finire. Perché naturalmente, proprio nei giorni prima delle ferie, tutte le storie diventano interessanti, fittissime di novità e di intrecci che tu vuoi-devi assolutamente seguire al rientro dalle ferie. Bravi, obiettivi raggiunti. Voglio sapere come va a finire. Voglio sapere che fine ha fatto Anna. Che fine ha fatto Chiara. Come Ivan prenderà l’abbandono. Come andrà tra Carol e Stefano. Voglio sapere tutto. E mentre sono consapevole che l’unico modo per trovare risposta alle mie curiosità è avere pazienza vi svelo un’anticipazione: ritorna Marina Kroeger. E ritorna con il figlio. Erede legittimo di Ettore Ferri, il capo dei capi, unico fondatore del gruppo Ferri. Tradotto: la presidenza della holding e tutto il potere connesso spetta solo a lui, al piccolo. Ne vedremo delle belle, insomma. Preparatevi ad un autunno caldo caldo di novità. Le commenteremo insieme, come ai vecchi tempi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!