Turismo in Puglia, chi ben comincia

L’Osservatorio regionale sul turismo ha fornito dati incoraggianti relativi ai primi quattro mesi del 2014

Ottima partenza per la Puglia turistica. I primi quattro mesi dell’anno hanno fatto registrare, infatti, un aumento complessivo degli arrivi di circa il 3%, secondo quanto segnalato dall’Osservatorio Regionale sul Turismo. Notevole soprattutto la performance degli stranieri, con il +10% degli arrivi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. “E’ davvero un grande risultato – osserva l’assessore Silvia Godelli , che conferma la tendenza verso la crescita ininterrottamente determinatasi in Puglia nell’ultimo decennio”. Soddisfatto anche Giancarlo Piccirillo, direttore generale di Pugliapromozione: “Si tratta di dati ottimi e finalmente anche di dati certi, perché sono quelli trasmessi direttamente dall’80% delle strutture ricettive del territorio attraverso il sistema telematico per la rilevazione del movimento turistico SPOT (Sistema Puglia per l’Osservatorio Turistico), introdotto nel 2013 e oggi a pieno regime”. Nel dettaglio, bene il mese di gennaio quando, dopo due anni di flessione, l’incoming è tornato a crescere in misura del +7%, complice la ripresa del mercato nazionale e del prodotto business, e aprile, nel quale quest’anno è ricaduta la Pasqua, e che ha fatto registrare il +12% di arrivi complessivi e il +31% di incoming straniero. Le festività e i ponti hanno favorito il turismo nelle città d’arte – anche minori e soprattutto tra i turisti repeaters (clientela fidelizzata), escursionisti e newcomers – il turismo en plein air, i riti della Settimana Santa e il balneare, nonostante la necessità di risparmio degli italiani confermi la tendenza a scegliere mete a corto raggio, per periodi brevi, con formule all inclusive e low cost. Rapida anche la ripresa del comparto alberghiero: segni positivi (superiori alla variazione media regionale del 3%) sono stati registrati per gli hotel e le residenze turistico alberghiere. Per quanto riguarda l’incoming internazionale i dati del primo quadrimestre 2014 mostrano aumenti tra il 5 e il 10% degli arrivi per i mercati francese, belga e statunitense. Crescite sostenute superiori al 10% si sono registrate da Russia e Spagna. Inoltre, secondo il monitoraggio dell’Agenzia Nazionale del Turismo ENIT sulla rete dei principali tour operator internazionali europei ed extraeuropei, la Puglia risulta tra le destinazioni italiane favorite per la prossima estate con alcuni Tour Operator che registrano incrementi delle prenotazioni fino al +20% rispetto all’anno precedente. In particolare, la Puglia si posiziona in modo favorevole su alcuni tour operator tedeschi, francesi, cechi, belga, giapponesi e inglesi. Arte, cultura, food and wine, natura, continuano ad essere i prodotti più apprezzati dagli stranieri e sempre presenti nelle offerte di viaggio degli operatori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!