Senato accademico, Link: ‘due importanti odg’

Lecce. Si discuterà delle modifiche al Regolamento dei corsi di laurea in Lingue e al Regolamento sullo Studente Part-Time

LECCE – Importante seduta del Senato accademico, oggi, in Ateneo salentino. All’ordine del giorno, alcune questioni importanti per gli studenti. Link Lecce – Coordinamento Universitario ha inviato una mozione per chiedere all’amministrazione di adeguare il Regolamento dei corsi di laurea di Lingue al Regolamento didattico generale d’Ateneo. Infatti, il calendario didattico dei corsi di Lingue, Letterature e Comunicazione Interculturale e di Scienza e Tecnica della mediazione Linguistica prevede dieci appelli orali e soltanto tre appelli scritti all’anno, con vincolo di aver sostenuto l’esame scritto prima di accedere a quello orale. Ciò comporta che, nel caso in cui l’appello scritto non venga superato, lo studente debba aspettare diversi mesi prima di poter ripetere nuovamente l’esame e sostenere quello orale. Tale regolamento contrasta con quanto previsto dall’art. 22 del Regolamento Didattico d’Ateneo, modificato nel 2012 proprio su proposta di Link, che prevede un numero minimo di sette appelli ordinari e due straordinari (fuori corso e in debito d’esame). Per questi motivi, gli studenti del Coordinamento chiedono che il numero degli appelli ordinari venga adeguato a quanto previsto dal Regolamento, eliminando la discrepanza tra gli appelli ordinari e quelli riservati alle materie scritte. Inoltre, in questa seduta saranno approvate le modifiche al Regolamento sullo Studente Part-Time, con l’estensione di tale possibilità anche agli studenti di anni successivi, come deciso nella commissione richiesta da Link. “Riteniamo – dicono dal Coordinamento – che tale status debba essere riconosciuto anche agli studenti fuori corso, perché crediamo che sia ingiusto, oltre che illegittimo, vietare l’iscrizione part-time ad una parte della popolazione studentesca”. La richiesta ai senatori accademici è dunque di appoggiare la proposta e rendere libera l’iscrizione al part-time per tutti gli studenti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment