Salone del libro, la Puglia c'è

Torino. Nona partecipazione consecutiva della Regione Puglia alla manifestazione; 24 le case editrici in partenza per Torino; tanti eventi in programma

TORINO – Puglia, si legge. L’editoria pugliese torna in vetrina al Salone internazionale del libro di Torino. E lo fa con lo Stand istituzionale dedicato agli incontri che la Regione Puglia ha promosso e organizzato assieme a Pugliapromozione e in collaborazione con l’Ape – l’Associazione Pugliese Editori. L'evento internazionale, giunto all'edizione numero 27, si aprirà giovedì 8 maggio per concludersi lunedì 12 maggio. Le case editrici in partenza per Torino sono 24: Adda Editore, Besa, Cacucci Editore, Capone Editore, Casa Editrice Mammeonline, Claudio Grenzi Editore, Controluce, Edizioni dal Sud, Editrice Rotas, Edizioni del Rosone, Edizioni Giuseppe Laterza, FaL Vision Editore, Gelsorosso, Il Grillo, Kurumuny, Pensa MultiMedia, Piero Manni, Progedit, Schena Editore, Secop, Stilo Editrice, Tholos, UnionCamere Puglia, Zane Editrice. Lo stand della Regione Puglia anche quest’anno ospita le pubblicazioni più rappresentative del territorio che si lascia raccontare e leggere, offrendole al mercato nazionale. Il carnet è pieno di appuntamenti: cinque incontri istituzionali, tra i quali è atteso il significativo omaggio a Vittorio Bodini nell’anno del centenario bodiniano; e 24 presentazioni dedicate ad altrettante novità editoriali. “La Puglia al Salone del Libro, per il nono anno consecutivo- osserva l’assessora regionale Silvia Godelli – indica l’impegno di una Regione che ha fatto dell’intervento culturale un percorso privilegiato per lo sviluppo dei suoi territori. L’associazionismo diffuso, un ricco e variegato tessuto editoriale, la produzione originale di libri sia di saggistica che di letteratura ed arte, si sono coniugati in questi anni con una feconda attività di promozione e diffusione della lettura”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment