Stalking all’ex amante: arrestato

Leverano. Non si era rassegnato alla fine della loro storia nel 2008, arrestato uno stalker che continuava a seguire l’ex amante

Leverano. I militari della Stazione di Leverano, hanno eseguito una Ordinanza di Custodia Cautelare che dispone gli arresti domiciliari, nei confronti di Perrone Fernando, nato a Leverano nel 1960, coniugato, falegname, incensurato, in quanto ritenuto autore del reato di stalking nei confronti di una ex amante, una donna più giovane, sempre di Leverano. La loro relazione finì nell'ormai lontano 2008, ma Perrone non si è mai dato pace. Per condotte analoghe a quelle per cui si procede, sempre commesse nei confronti della stessa vittima e immediatamente successive alla rottura del rapporto, è già in corso un procedimento penale presso il Tribunale di Nardò. Le indagini dei carabinieri di Leverano hanno ricostruito quello che è accaduto dopo la chiusura delle indagini che hanno dato vita al primo procedimento. Perrone, secondo quanto emerso di recente, ha rimesso in atto il classico repertorio dello stalker, che ha indotto nella vittima un perdurante stato di ansia tale da costringerla a modificare le abitudini di vita: pedinamenti, appostamenti di ore sotto casa, citofonate con fuga, continui colpi di clacson ogni volta che passava sotto casa della ex con l'auto ecc. Due sono però i comportamenti più inquietanti, che hanno convinto i carabinieri e la dott.ssa Mininni della Procura della Repubblica di Lecce a chiedere una misura cautelare, poi concessa dal G.I.P. Brancato: recentemente ha recapitato alla vittima un foglio di Google Maps indicante, con l'evidenziatore, tutti gli spostamenti della stessa; in più, ha incominciato a seguire la figlia minore di lei (17enne), che a sua volta si è impaurita.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!