Discarica di Corigliano, odg sulla riconversione, rimandato

Bari. Il presidente del Consiglio Introna ha rinviato la discussione per l’assenza di Nicastro e Vendola. Blasi: ‘Non serviva la loro presenza’

BARI – Cambiare destinazione d’uso alla discarica di Corigliano. La proposta di Sergio Blasi, consigliere del Pd, giace ancora indiscussa sul tavolo del presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna. Che oggi ha perso l’occasione per portarla all’attenzione dell’assise. Il motivo? L’assenza, in aula, dell’assessore alle Politiche ambientali Lorenzo Nicastro (assente per malattia) e del presidente della Regione Nichi Vendola. In realtà, precisa Blasi, l’ordine del giorno chiama in causa il Consiglio regionale per cui la presenza dell’assessore al ramo e del presidente non rappresentano condizione necessaria per lo svolgimento della discussione. “La mia iniziativa – spiega il consigliere – punta a far emergere in maniera chiara e inequivocabile la posizione della massima istituzione democratica della Puglia e delle forze politiche in essa rappresentate sull’entrata in funzione di una discarica costruita sulla più importante falda acquifera del Salento”. “Questo impianto – aggiunge Blasi -, che da Piano dei Rifiuti dovrebbe accogliere il rifiuto biostabilizzato maturo dei Comuni del Salento centrale, è un serio rischio per la salute dei salentini, come ribadito dai vertici dell’Acquedotto Pugliese. Ad oggi né la giunta regionale né l’Oga leccese hanno prodotto soluzioni (si legga: riconversione) in grado di scongiurare il pericolo di inquinamento della falda. Io penso che non sia più rinviabile un pronunciamento da parte del Consiglio Regionale sulla discarica di Corigliano. Ma dopo la giornata di oggi è francamente arduo non ravvisare una volontà politica di non procedere alla discussione su questo tema”. Articoli correlati: Discarica di Corigliano. Stomeo a Perrone: ‘Alleiamoci' Discarica di Corigliano. Fiore a Perrone: 'Non conosce gli atti' Discarica di Corigliano. Perrone: ‘Colpa della sinistra' Discarica di Corigliano. Fiore diffida gli organi autorizzativi Piscitelli: ‘Corigliano, una follia a cielo aperto' La discarica sulla fonte Corigliano, la discarica della discordia Discarica di Corigliano, al via entro il 12 ottobre Percolato nel terreno. Stop alla nuova discarica

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!