Ex Massa, cittadini in presidio per tutelarla

Lecce. Tre ore, dalle 10 alle 13, per chiedere più sensibilità verso un bene storico-artistico di indubbio valore nel cuore della città

LECCE – Nel febbraio 1971 il convento rinascimentale di S. Maria del Tempio, con annessa chiesa, veniva abbattuto su decisione dell’Amministrazione comunale che non tenne conto dei richiami della Sovrintendenza. Quel luogo era stato per la città un centro culturale e sociale, oltre che religioso, eretto all’inizio del 500, su precedenti strutture tardo medievali. Si trovava lì dove probabilmente aveva origine l’antica strada messapico-romana tra Lupiae e il suo primo porto a sud di San Cataldo. Oggi quell’area è conosciuta ai più come l’ex Massa. E’ poco più di un recinto di rete arancione attraverso il quale si riesce ad entrare in contatto con la storia. Il Tacco ha raccontato la storia dell’“ex Massa” qui La demolizione del convento era stata pianificata già dal 1954, con la prospettiva di sfruttare l’area per fini edili; negli anni 80 si decise di farne un parcheggio, adiacente all’Aci. Diversi progetti si sono susseguiti. Negli anni 90 hanno avuto luogo i primi sondaggi archeologici. Nel 2006 ha invece preso il via il project financing, per la realizzazione di parcheggio e centro commerciale (500 posti auto su tre piani interrati, ed altri sopraelevati), dove inglobare la tettoia in stile liberty a semplice orpello decorativo; porta la data del 2010 il contratto tra Comune e ditta vincitrice. Gli scavi di bonifica dell’area hanno riservato però inattese sorprese. Dal sottosuolo, è emerso uno spaccato unico della storia architettonica medievale e rinascimentale, con reperti interessanti e locali ancora ben conservati. I lavori si sono fermati. Attorno al destino dell’area ancora ci si interroga. Ma il punto di vista di una parte di cittadini è chiaro: rispettare la storia e le bellezze che sono emerse dal sottosuolo. E valorizzarle. Quei cittadini si ritroveranno oggi in presidio di fronte all’area dell’ex Massa, dalle ore 10 alle 13. Chiunque condivida la loro battaglia è invitato. Articoli correlati: Ex Massa, Adoc: ‘Ridiscutere il progetto' Ex Massa. I parcheggi accanto ai capitelli romani

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!