Ilva, i sindacati: ‘Soluzioni urgenti per la bonifica dei luoghi’

Taranto. Cgil, Cisl e Uil scrivono al Governo e chiedono tempi rapidi per la soluzione dell’emergenza ambientale e lavorativa

TARANTO – Una lettera al sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri, Delrio, al ministro per l’Ambiente, Galetti e al ministro per lo Sviluppo Economico, Guidi, per chiedere che su Taranto i processi di risanamento siano celeri. A rischio vi è la tenuta dei livelli occupazionali e di un intero apparato economico-produttivo oltre alla necessaria ambientalizzazione. Cgil, Cisl e Uil di Taranto e nazionale (in calce le firme sono anche dei segretari nazionali Elena Lattuada Cgil, Luigi Sbarra Cisl e Paolo Carcassi Uil) affidano ad una missiva sintetica ma di sostanza l’appello al Governo Renzi che all’indomani della conversione in legge del decreto “Terra dei Fuochi” in cui si inseriscono anche le disposizioni in merito al processo di ambientalizzazione dello stabilimento industriale Ilva e dell’area tarantina, chiede “nella fase delicata e decisiva” del momento, di fare presto. “Il percorso finora portato avanti anche con provvedimenti legislativi e il commissariamento – scrivono D’Isabella, Fumarola e Turi – ma anche i ritardi accumulati nell’attuazione dell’Aia, il perdurare di una crisi di liquidità che si sta ripercuotendo pesantemente sul sistema degli appalti con un allarme sulla tenuta dei livelli occupazione e quindi anche sull’attuazione dell’Aia, ci portano a sollecitare tutti i livelli e il Governo nazionale, per una azione urgente ed incisiva volta a predisporre una strumentazione di carattere finanziario, quale un prestito di ponte di garanzia o altro, utile a superare questa fase transitoria, in attesa della piena attuazione dell’ultimo provvedimento legislativo. Una soluzione cuscinetto che per Cgil, Cisl e Uil possa, insomma, servire ad attutire gli effetti di un clima di incertezza che oggi rischiano di pagare solo i lavoratori”. La lettera risulta come un appello indifferibile anche alla luce degli ultimi dati sul tasso di disoccupazione e precarietà diffusi dall’Istat e riferiti alla provincia di Taranto. “Sono dati sconvolgenti”, commentano i tre segretari confederali. “Abbiamo scritto ai Ministri – continuano D’Isabella, Fumarola e Turi – perché in quello che potrebbe essere il più grande cantiere d’Italia, il lavoro manca e si rischia di impoverirsi ancora di più. Occorre dunque accelerare. Verificare, controllare ed esigere rispetto delle leggi, ma non tradire nel contempo le aspettative di una comunità che dopo tanti anni di contrapposizione tra lavoro e salute chiede che questo scontro venga sanato e i lavori di risanamento si avviino al più presto e si traducano in lavoro”. Articoli correlati: Ilva, ok al Piano ambientale ‘misterioso' Ilva, ancora dati allarmanti L'Ilva inquina ancora Ilva, nessun conflitto tra i poteri dello stato Ilva, potere d'acciaio intrappolato tra Magistratura e Ministero Marescotti, PeaceLink: ‘Taranto è una città compromessa' Chi sono i Riva Ilva. Se anche le banche storcono il naso Dentro i cancelli, ‘Nuovi sacrifici in vista' Marescotti, PeaceLink: ‘Taranto è una città compromessa'

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment