Vent’anni di vacanza

Vita, morte e qualche miracolo di un mito dei nostri tempi

Nella vita gli esami non finiscono mai. Lo sapevano Eduardo De Filippo e Kurt Cobain. Pensa che culo, sei di nuovo a scuola e niente vacanze… Niente vacanze!… Niente vacanzeee!!! “School” aveva poche parole smozzicate ed era cantata a squarciagola, come le altre; quasi la fase di risveglio incompleto da un incubo. Gli incubi dei Nirvana erano esplosivi, ma Kurt finì per saltare in aria durante l’innesco. Il suo spirito genuinamente inquieto sa di spirito adolescenziale, di quello che si sente sempre tagliato fuori, strano o comunque diverso, albino o mulatto in mezzo ai bianchi giusti. Ma il “Teen Spirit” di quella che è tra le sue canzoni più famose era anche il banale deodorante ascellare di una delle ragazze appresso alle quali lui correva da ragazzo. La vita è sudore. Ed ecco che il 5 aprile di vent’anni fa, nella sua casa di Seattle, Kurt si dà un colpo di pistola alla testa. Come un Orfeo al rovescio, il canto lo mandava agli inferi, anzi all’inferno. Solo un mese prima, i medici del policlinico Umberto I di Roma l’avevano tirato per i lunghi capelli e riportato, come Euridice, in terra. Ma lui aveva proprio deciso di prendersela questa vacanza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!