Ape contro auto. Muore 83enne

Parabita. Antonio Calò, di Tuglie, è spirato pochi minuti dopo essere stato trasportato in ospedale

PARABITA – E’ morto pochi minuti dopo essere stato condotto all’ospedale di Gallipoli, tanto erano gravi le ferite riportate nell’impatto. Non ce l’ha fatta Antonio Calò, l’83enne di Tuglie rimasto vittima di un violento incidente stradale, ieri mattina, a Parabita. L’uomo viaggiava a bordo del suo “Ape” in direzione Alezio, quando nei pressi dello svincolo per contrada “Carbone”, mentre era sul punto di svoltare a sinistra, è stato travolto da una Golf Volkswagen che viaggiava nella direzione opposta, alla cui guida c’era Roberto Mercuri, 45 anni, di Alezio. L’anziano è stato scaraventato fuori dall’abitacolo del suo mezzo, finendo sull’asfalto. Sul posto sono giunti un’ambulanza del 118 che ha trasportato l’uomo in ospedale, e gli agenti della municipale che hanno effettuato i primi rilievi. Calò è spirato una volta in ospedale. Il conducente della vettura è rimasto illeso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!