Il piacere di andare a spasso con Tommy

Lecce. L’obiettivo del Comune: svuotare i canili permettendo ai cani lì ospitati di trovare nuovi padroni. E presto nascerà il gattile comunale

LECCE – “Nell’attenzione nei confronti degli animali si misura la maturità di una comunità”. Il sindaco Paolo Perrone spiega, con queste poche parole, le motivazioni che stanno alla base degli indirizzi politico-amministrativi verso gli animali. “L’assessorato al Randagismo, uno dei migliori d’Italia – dichiara l’assessore Alfredo Pagliaro – sta lavorando a fondo per cercare di porre un freno al fenomeno del randagismo. Ma i cani vaganti una volta presi dagli accalappiacani, finiscono nei canili del territorio, in attesa di una nuova e più confortevole sistemazione. Di qui la necessità di trovare una soluzione adeguata. L’Amministrazione comunale ha pertanto deciso di lanciare un progetto singolare, “A spasso con…Tommy”, prendendo in prestito il nome del cane diventato la mascotte dei Vigili del Fuoco in seguito al terremoto de L’Aquila. Alcuni volontari animalisti porteranno in giro per le vie principali del centro della città, tra piazza Mazzini, via Trinchese, piazza. S. Oronzo e Corso Vittorio Emanuele, una dozzina di cani. Dietro la pettorina i volontari avranno la scritta “Adottatelo”, con impresso il numero verde 800 101 108. Sara l’occasione, dunque, per offrire ai cani grande visibilità nella speranze che qualcuno possa decidere di adottarli garantendogli una migliore sistemazione rispetto al canile sanitario di via Borgo S. Nicola, dove attualmente sono ospitati. “Una iniziativa che assume una valenza sociale” ha sottolineato il sindaco Perrone. “In quattro anni – ha aggiunto Pagliaro – siamo riusciti a far adottare 290 cani. Il nostro obiettivo è quello di riuscire pian piano a svuotare, o quasi, i canili della nostra città”. Ma c’è un altro progetto in cantiere da parte dell’assessorato al Randagismo. Si tratta della realizzazione di un gattile che avrà l’obiettivo di salvaguardare le colonie feline presenti in città.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!