Nella casa al mare, la serra di ‘maria’. Odontoiatra nei guai

Salve. Ogni stanza era destinata ad una parte del processo di essiccazione. La scoperta, nell’abitazione di Torre Vado

SALVE – I carabinieri gli contestano i reati di coltivazione, produzione e detenzione di marijuana finalizzata allo spaccio. Nella sua abitazione estiva di Torre Vado, marina di Morciano di Leuca, hanno infatti trovato un vero e proprio laboratorio artigianale per la coltivazione della marijuana. L’uomo, Alessandro Cattaneo, 38 anni, odontoiatra originario di Brescia ma trapiantato nel Salento, non aveva mai destato alcun sospetto eppure nascondeva un inaspettato segreto; i militari si sono trovati di fronte ad una serra suddivisa in stanze destinate ognuna ad una parte del processo di coltivazione.

Alessandro Cattaneo

Alessandro Cattaneo Nel bagno erano riposte quattro piante di cannabis alte circa 120 cm in efflorescenza, riscaldate da una lampada da serra e ventilate da un condizionatore da camera, entrambi collegati ad un timer; in un lavabo adiacente al bagno invece vi erano le foglie in essiccazione ed un innaffiatoio a vaporizzazione; nella camera da letto, in un porta abiti, sei piante già svasate ed appese per l’essiccazione; in un armadio del salotto, al buio, le foglie di marijuana già essiccate e pronte per il confezionamento. Infine, in una dispensa, alcune bottiglie contenenti fertilizzante per accelerare il processo di crescita delle piante.

Alessandro Cattaneo
Alessandro Cattaneo

Tutti i locali interessati all’attività illecita erano dotati di lampade, condizionatori e timer per creare le condizioni di umidità e di temperatura ideali per la coltivazione e l’essicazione della marijuana. Al termine della perquisizione i militari hanno trovato e sequestrato complessivamente circa 700 grammi di marijuana (piante e foglie comprese) nonché tutta la strumentazione all’interno della “serra fai da te”. L’uomo è stato arrestato e sottoposto agli arresti domiciliari a disposizione della pm Elsa Valeria Mignone.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!